Pescatori sequestrati in Libia, protesta in piazza a Mazara: “Liberateli” :ilSicilia.it
Trapani

sono passati 26 giorni

Pescatori sequestrati in Libia, protesta in piazza a Mazara: “Liberateli”

di
26 Settembre 2020

A Mazara del Vallo centinaia di persone hanno manifestato per chiedere la liberazione dei 18 pescatori ostaggi in Libia da 26 giorni.

Dalla sera del sequestro, avvenuto l’1 settembre scorso, i familiari hanno perso ogni contatto con i loro. Vi è stata solo una telefonata fatta dal comandante del Medinea, Pietro Marrone, il quale esortava gli armatori ad andare a Roma.

Alla manifestazione è stato invocato l’intervento del Governo affinché i pescatori vengano liberati.  I familiari e marineria avevano manifestato già a Roma.

LA SITUAZIONE

I marittimi sono detenuti nel carcere di El Kuefia, non si sa in quali condizioni.

Le autorità libiche hanno chiesto, in cambio del rilascio, la liberazione di quattro connazionali condannati dal Tribunale di Catania a 30 anni di carcere e tuttora reclusi in Italia.

I quattro libici sono stati arrestati con l’accusa di aver fatto parte del gruppo dei scafisti responsabili della ‘Strage di Ferragosto’ in cui morirono 49 migranti.

La Farnesina, insieme all’intelligence, sta lavorando al rilascio dei pescatori.

IL SINDACO DI MAZARA

La situazione è davvero complessa, ma abbiamo i primi timidi segnali di un inizio di dialogo. La trattativa vera e propria sappiamo che è complicata, noi siamo ottimisti che possa partire il prima possibile ma la pazienza della comunità dei pescatori di Mazara del Vallo è terminata, adesso i nostri uomini devono tornare a casa“, ha detto Salvatore Qunci.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro