Pescatori sequestrati in Libia: un centinaio in piazza a Palermo per chiedere la liberazione | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

LA MANIFESTAZIONE DI IERI

Pescatori sequestrati in Libia: un centinaio in piazza a Palermo per chiedere la liberazione | FOTO

di
22 Novembre 2020

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Ieri pomeriggio un centinaio di palermitani si sono riuniti in piazza Verdi, davanti il Teatro Massimo, per chiedere la liberazione immediata dei pescatori di Mazara del Vallo sequestrati in Libia.

L’1 settembre una motovedetta della Guardia Costiera Libica ha sequestrato due pescherecci siciliani a 38 miglia da Bengasi. Si tratta di 18 pescatori mazaresi che da più di 80 giorni non vedono la loro famiglia e i loro parenti, rinchiusi in cella lontani dalla propria terra. I pescatori secondo il Generale di Bengasi Haftar, sono accusati di aver oltrepassato le acque territoriali e di aver pescato in acque libiche.

“La concorrenza politica in Libia, la ritorsione tra gli Stati e gli interessi economici sono le cause che hanno provocato il sequestro dei pescatori. A pagarne le conseguenze sono loro stessi e i familiari che da mesi aspettano di riabbracciare i propri cari. Il ministro degli Esteri Di Maio ha affermato di lavorare per la salute e la vita dei pescatori siciliani; peccato che sono passati più di 80 giorni e del loro rientro non se ne parla” – dichiara Giovanni Siragusa di Antudo, una delle sigle che ha organizzato la manifestazione di oggi insieme a Siciliani Liberi e Attiva Sicilia.

“Abbiamo deciso di scendere in piazza per attirare una volta e per tutte l’attenzione sulla vicenda. Ci rivolgiamo soprattutto al Presidente Musumeci: cosa ha fatto per far ritornare i pescatori indietro? Nulla di concreto, solo appelli che lasciano il tempo che trovano”, conclude.

L’appello dei manifestanti, che si unisce a quello dei familiari dei pescatori, è rivolto alle istituzioni regionali e nazionali, affinché utilizzino tutti gli strumenti necessari a far rientrare i siciliani.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.