Pescatori sequestrati in Libia: un centinaio in piazza a Palermo per chiedere la liberazione | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

LA MANIFESTAZIONE DI IERI

Pescatori sequestrati in Libia: un centinaio in piazza a Palermo per chiedere la liberazione | FOTO

di
22 Novembre 2020

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Ieri pomeriggio un centinaio di palermitani si sono riuniti in piazza Verdi, davanti il Teatro Massimo, per chiedere la liberazione immediata dei pescatori di Mazara del Vallo sequestrati in Libia.

L’1 settembre una motovedetta della Guardia Costiera Libica ha sequestrato due pescherecci siciliani a 38 miglia da Bengasi. Si tratta di 18 pescatori mazaresi che da più di 80 giorni non vedono la loro famiglia e i loro parenti, rinchiusi in cella lontani dalla propria terra. I pescatori secondo il Generale di Bengasi Haftar, sono accusati di aver oltrepassato le acque territoriali e di aver pescato in acque libiche.

“La concorrenza politica in Libia, la ritorsione tra gli Stati e gli interessi economici sono le cause che hanno provocato il sequestro dei pescatori. A pagarne le conseguenze sono loro stessi e i familiari che da mesi aspettano di riabbracciare i propri cari. Il ministro degli Esteri Di Maio ha affermato di lavorare per la salute e la vita dei pescatori siciliani; peccato che sono passati più di 80 giorni e del loro rientro non se ne parla” – dichiara Giovanni Siragusa di Antudo, una delle sigle che ha organizzato la manifestazione di oggi insieme a Siciliani Liberi e Attiva Sicilia.

“Abbiamo deciso di scendere in piazza per attirare una volta e per tutte l’attenzione sulla vicenda. Ci rivolgiamo soprattutto al Presidente Musumeci: cosa ha fatto per far ritornare i pescatori indietro? Nulla di concreto, solo appelli che lasciano il tempo che trovano”, conclude.

L’appello dei manifestanti, che si unisce a quello dei familiari dei pescatori, è rivolto alle istituzioni regionali e nazionali, affinché utilizzino tutti gli strumenti necessari a far rientrare i siciliani.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin