Pescatori sequestrati, Ugl: "Musumeci intervenga e avvii dialogo con la Libia" :ilSicilia.it
Trapani

Lo comunica Giuseppe Messina

Pescatori sequestrati, Ugl: “Musumeci intervenga e avvii dialogo con la Libia”

di
19 Ottobre 2020

Giuseppe Messina, Segretario Ugl Sicilia, in una dichiarazione principalmente rivolta al governo italiano, rivela la sua speranza affinchè i pescatori di Mazara Del Vallo sequestrati in Libia, possano tornare in libertà : “Con lo slogan Liberate subito i pescatori italiani e #liberatelitutti abbiamo voluto lanciare forte la richiesta di liberazione dei 18 pescatori trattenuti in Libia e dei pescherecci Medinea e Antartide sequestrati da 45 giorni. Lo abbiamo fatto con l’iniziativa lanciata dal Segretario Generale Paolo Capone che ha visto il sindacato protestare davanti alla Farnesina ed in contemporanea la marineria di Fiumicino si è associata all’iniziativa realizzata aMazara del Vallo per gridare a voce alta la liberazione dei pescatori italiani. Al governo regionale abbiamo chiesto di intervenire con una delegazione in Cirenaica, attraverso il Comitato europeo delle Regioni, per verificare le condizioni di salute dei pescatori e dei natanti e per trovare una soluzione che metta fine a questo stillicidio”.

“Abbiamo anche chiesto al Presidente Musumeci di modificare l’articolo 39 della legge regionale 9/2019 aggiungendo la finalità del sequestro del natante a causa di contestazione sulla misurazione delle acque territoriali e per stanziare ulteriori risorse attraverso il fondo di solidarietà della pesca da destinare ai pescatori ed agli armatori di Medinea e Artemide che rischiano la perdita definitiva dello scafo fermo da troppo tempo.” 

Gli fa eco Giovanni Condorelli, Segretario Confederale Ugl che aggiunge: “Si è perso troppo tempo, il governo nazionale faccia di più e presto. Con questa iniziativa del Segretario Generale Capone abbiamo lanciato un messaggio forte di solidarietà alle famiglie di pescatori ed armatori, rivolgendoci a tutti i livelli istituzionali per pervenire alla immediata risoluzione della questione e restituire a familiari i pescatori e le imbarcazioni”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco