Pescatori siciliani sequestrati in Libia, Musumeci attacca: "Dopo un mese attendiamo ancora intervento di Roma" :ilSicilia.it
Trapani

l'affondo

Pescatori siciliani sequestrati in Libia, Musumeci attacca: “Dopo un mese attendiamo ancora intervento di Roma”

di
1 Ottobre 2020

“Si deve fare di più sui pescatori detenuti in Libia. Al posto del ministro Luigi Di Maio andrei subito a parlare con le autorità a Tripoli. Mi auguro abbia la forza di farlo. Giuseppe Conte mi ha assicurato un intervento personale ma credo non si sia fatto tutto quello che andava fatto. Spero possa avvenire nelle prossime ore”.

Lo ha scritto su Facebook il presidente della Regione Nello Musumeci. Il governatore incalza il Governo per ottenere la liberazione dei pescatori siciliani.

“Non è possibile che dopo un mese 18 persone siano detenute in uno Stato straniero senza che lo Stato di appartenenza sia messo a conoscenza della posizione giuridica di ognuno. Familiari e autorità dello Stato di appartenenza devono conoscere le reali condizioni, il silenzio è ciò che colpisce maggiormente i familiari”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Politica
di Elio Sanfilippo

Sindaci e Imprese insieme per rilanciare la Sicilia

A chi continua a lamentarsi che la Sicilia non ha più voce in capitolo nelle scelte del governo nazionale, come dimostra la vicenda della nomina dei ministri e dei sottosegretari, ribadiamo che non ha più voce perché non ha più una testa, una guida, una classe dirigente autorevole dotata di una visione e di un progetto politico.
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin