Pescatori siciliani sequestrati in Libia: "Trascorsi 50 giorni, Conte e Di Maio che fanno?" :ilSicilia.it
Trapani

l'affondo di Matilde Siracusano (FI)

Pescatori siciliani sequestrati in Libia: “Trascorsi 50 giorni, Conte e Di Maio che fanno?”

di
20 Ottobre 2020

Sono trascorsi 50 giorni da quando 18 pescatori, a bordo di due pescherecci di Mazara del Vallo (Trapani), sono stati sequestrati dalle autorità libiche a largo di Bengasi. Da 50 giorni 18 famiglie vivono nell’angoscia più totale, senza aver notizie dei propri cari, senza risposte adeguate da parte del governo, senza una presa di posizione chiara del premier Conte e del ministro degli Esteri Di Maio“.

Così Matilde Siracusano, deputata di Forza Italia.

Matilde Siracusano
Matilde Siracusano

“Alcuni familiari – prosegue – da settimane stazionano – giorno e notte, con il sole e con la pioggia – di fronte a Montecitorio: un presidio silenzioso e pacifico per chiedere un impegno concreto da parte dell’esecutivo. La scorsa settimana il presidente della Camera Fico, dopo una protesta di Forza Italia in Aula, aveva assicurato di volerli incontrare: anche in questo caso, ancora niente.

I nostri pescatori, al momento, sono stati abbandonati, le loro mogli, i loro figli, i loro parenti sono letteralmente disperati. In questo tragico scenario è da lodare l’iniziativa dell’Assemblea regionale Siciliana che, su iniziativa di Gianfranco Miccichè, che ha stanziato un contributo di 2mila euro per ogni famiglia dei 18 cittadini sequestrati in Libia. Ma adesso occorre uno scatto da parte di Palazzo Chigi e da parte della Farnesina. Vogliamo notizie sullo stato di salute dei nostri connazionali e vogliamo certezze in merito alla loro liberazione”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin