Pescaturismo e Cultura del Mare: Salvatore Sgroi nominato consulente del Distretto Turistico :ilSicilia.it

l'annuncio

Pescaturismo e Cultura del Mare: Salvatore Sgroi nominato consulente del Distretto Turistico

di
25 Gennaio 2022

Un incarico di prestigio che premia esperienza, competenza e lungimiranza del politico e dell’uomo. Salvatore Sgroi, nato a Carini il 9 settembre del 1957, è stato nominato consulente strategico in materia di marketing territoriale del Distretto TuristicoPescaturismo e cultura del Mare“.

Incarico ricevuto da Andrea Aiello, amministratore delegato dell’organismo pubblico istituito e riconosciuto dalla Regione Siciliana, nella fattispecie dall’ Assessorato Regionale del Turismo, Sport e Spettacolo.

Una realtà già partner in vari progetti virtuosi nell’ambito del programma di cooperazione tra Italia e Malta, in linea con la politica di coesione transfrontaliera dell’Unione Europea . Progetti destinati ad implementare ricerca ed innovazione, finalizzati allo sviluppo sostenibile ed inclusivo delle aree coinvolte, utili ad aumentare la competitività delle imprese e del turismo nel rispetto dell’ambiente, con matrice preventiva rispetto a cambiamento climatico e rischi connessi alla tipicità naturale del territorio.
L’esponente dell’Udc vanta un background di assoluto spessore, attuale consigliere comunale di Carini e leader dell’opposizione, Sgroi è stato il candidato Sindaco della coalizione di centrodestra nelle scorse amministrative ottenendo ben 5600 preferenze e perdendo soltanto al ballottaggio l’opportunità di divenire Primo cittadino del suo paese d’origine. Già presidente del Consiglio comunale di Carini, il profilo centrista, che ha aderito all’Udc nel dicembre del 2020, palesa la sua soddisfazione.

“Ringrazio Andrea Aiello, per la nomina e l’incarico di consulenza conferitomi per il Distretto Turistico ” Pescaturismo e Cultura del Mare”. Qualsiasi progetto miri a sviluppare e tutelare le nostre ricchezze naturali e paesaggistiche, alimentando il settore della ricerca e dell’innovazione unitamente al livello di competitività delle nostre imprese e del comparto turismo, mi coinvolge emotivamente e professionalmente. Mi impegnerò al massimo per fornire il mio contributo di conoscenza ed esperienza, nell’auspicio di apportare un concreto valore aggiunto alla causa. Mi identifico totalmente nei principi democratici e liberali dell’Udc, una forza politica moderata ma al contempo risoluta e concreta, sempre più polo di riferimento imprescindibile nella coalizione di centrodestra. La crescita esponenziale di consensi e adesioni in seno al partito centrista testimonia l’attenzione dell’Udc alle istanze dei cittadini ed alle impellenze del territorio. Siamo quotidianamente promotori della politica del fare, senza tergiversare in inutili fronzoli né nasconderci dietro proclami roboanti e populisti. La condivisione di valori e progetti ha creato uno spirito di servizio ed aggregazione, sociale, umana e politica, in nome dell’amore per la nostra terra. L’Udc continuerà ad essere parte attiva e protagonista, al netto di qualsiasi logica partitica o di opportunità, anche nella prossima tornata elettorale”, dice Sgroi.

Sulla medesima linea d’onda l’Amministratore delegato del Distretto Turistico “Pescaturismo e Cultura del Mare”, Andrea Aiello.

Salvatore Sgroi costituisce un fiore all’occhiello nell’organigramma dell’Udc in Sicilia. Manager di spessore, politico lungimirante e di lungo corso, uomo integerrimo, esempio di rettitudine ed integrità morale. In seno al Consiglio comunale di Carini, di cui è già stato Presidente in passato, rappresenta il leader, determinato e saggio, di un’opposizione costruttiva e decisa a spendersi per il bene della collettività. Ho scelto con consapevolezza ed entusiasmo, in qualità di Amministratore delegato, di affidarmi alla sua consulenza in materia di marketing territoriale per i progetti che coinvolgono il Distretto Turistico “Pescaturismo e Cultura del Mare”. La sua minuziosa conoscenza delle tipicità del nostro territorio, il suo spessore politico e professionale, la sua autorevolezza indiscussa fungeranno da guida e riferimento prezioso nell’ambito di un percorso virtuoso che ha varie finalità e precisi obiettivi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.