Pesce non tracciabile, oltre un quintale confiscato nel Catanese :ilSicilia.it
Catania

Eseguiti i controlli anche dall'Asp

Pesce non tracciabile, oltre un quintale confiscato nel Catanese

di
28 Gennaio 2020

Sono cento i chilogrammi di pesce sequestrati dalla Capitaneria di porto di Catania in una pescheria.

I militari del reparto operativo stamani, a seguito di accertamento hanno confiscato la merce in un esercizio commerciale di Sant’Agata li Battiati, perché priva della prevista certificazione di tracciabilità, insieme a tranci di tonno rosso.

Parte del pescato sequestrato, dopo controlli eseguiti da personale medico dell’Asp di Catania, è stato dichiarato, in ogni caso, idoneo al consumo umano ed è stato donato alla Caritas Diocesana, mentre il restante ritenuto non commestibile è stato distrutto e smaltito.

Al titolare dell’attività commerciale sono state comminate sanzioni amministrative per l’ammontare di cinque mila euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.