"Pesce senza tracciabilità": ventimila euro di multa per due ristoranti di sushi a Palermo :ilSicilia.it

controlli a tappeto

“Pesce senza tracciabilità”: ventimila euro di multa per due ristoranti di sushi a Palermo

17 Giugno 2019

Obiettivo puntato sui ristoranti e  locali del centro di Palermo da parte delle forze dell’ordine. Il 17 giugno, guardia di finanza e guardia costiera, insieme agli agenti del commissariato “Libertà” che hanno coordinato i controlli, con l’aiuto dell’Asp hanno multato, tra gli altri, due attività che vendevano sushi.

Ai due ristoranti è stata comminata una sanzione di circa 20.000 euro ma non sono stati resi noti i nomi degli esercizi commerciali. Tra le contestazioni che sarebbero state rilevate, presunte irregolarità nell’impiego del personale e carenze igienico-sanitarie.

Ma quello che dà più da pensare è la mancanza di tracciabilità del pesce che sarebbe state riscontrata. Nel contesto dei controlli amministrativi sono stati effettuati anche posti di controllo su strada che hanno consentito di identificare 61 persone e controllare 21 mezzi e di elevare sanzioni per un ammontare di 1.500 euro. I controlli proseguiranno nel corso delle prossime settimane.

© Riproduzione Riservata
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.