Pesche al forno ripiene di ricotta | LA RICETTA :ilSicilia.it

Tra leggenda e bontà

Pesche al forno ripiene di ricotta | LA RICETTA

10 Giugno 2019

Oggi le pesche sono le protagoniste assolute del nostro racconto.

D’altronde la Sicilia è il loro regno e, infatti, dall’Etna ai Sicani ne troviamo una vastissima varietà: abbiamo la pesca gialla, la più comune e consumata, soprattutto in estate, dalla polpa succosa, profumata e dalla buccia vellutata; quella bianca, spesso più dolce e filamentosa della sorella; la pesca nettarina o pesca noce, dalla polpa bianca o gialla e dalla buccia liscia e rossastra; la tabacchiera dal profumo intenso e dalla forma irregolare, chiamata così perché schiacciata sui due lati e simile al contenitore utilizzato per conservarvi il tabacco da fiuto; varietà autoctona è diventata presidio Slow Food e la troviamo alle pendici dell’Etna, specie nella zona dell’Alcantara e delle Valli del Simeto; altra varietà, raccolta a partire da agosto, è la pesca di Bivona, detta anche Montagnola; a settembre appaiono, invece, in tutto il loro splendore quelle di Leonforte, anch’esse presidio Slow Food. Prima di darvi una ricetta, tanto buona quanto di facile esecuzione, vogliamo, però,  raccontarvi una delle tante leggende che avvolgono questo profumatissimo e vellutato frutto.

Leggenda

Dalla notte dei tempi si narra che un vecchio pescatore, dopo avere tirato a riva, con grande fatica, la pesante rete calata in mare, vide dibattersi sulla sponda un pesce dalle grandi dimensioni. Tornato a casa, mentre lo stava pulendo per cucinarlo, trovò nel suo ventre un piccolo nocciolo e, invece di porsi la domanda su cosa ci facesse, agì, sotterrandolo in una buca scavata nella terra davanti alla sua capanna e annaffiandolo di tanto in tanto. Piano piano e, con grande sorpresa, dal seme nacque un alberello che, nell’aria tiepida della primavera, si ammantò di boccioli rosa. Il primo frutto, il neonato, venne battezzato col nome di pesca, in omaggio alla sua provenienza marina. Dopo questo immaginifico racconto, andiamo alla ricetta delle “pesche al forno ripiene di ricotta“.

Ingredienti per 6 persone:

  • 6 pesche gialle
  • 200 g di ricotta
  • 100 g di mandorle
  • 8 biscotti secchi
  • 2 tuorli
  • marsala e malvasia
  • zucchero semolato e a velo

Procedimento:

1. Fate bollire un litro d’acqua con lo zucchero semolato e un bicchiere di marsala.

2. Lavate bene le pesche, dimezzatele e snocciolatele.

3. Tuffatele nello sciroppo in ebollizione e cuocetele per 5 minuti.

4. Tritate finemente le mandorle, schiacciate i biscotti, mescolandoli con la ricotta, un cucchiaio di zucchero a velo, i due tuorli e aromatizzando con mezzo bicchierino di malvasia.

5. Riempite le mezze pesche con questa farcia, sgocciolandole dallo sciroppo.

6. Appoggiatele su una placca, spolverizzate di zucchero a velo e passatele nel forno a 190° per 15 minuti.

7. Servitele cosparse con le mandorle sminuzzate.

Il vostro dolce è pronto per essere assaporato.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.