Pescherecci sequestrati in Libia, approvata mozione in Conferenza Stato-Regioni :ilSicilia.it

LA PROPOSTA DELL'ASSESSORE BANDIERA

Pescherecci sequestrati in Libia, approvata mozione in Conferenza Stato-Regioni

di
23 Ottobre 2020

Su proposta dell’assessore regionale per la pesca mediterranea Edy Bandiera, è stata approvata all’unanimità in commissione delle Politiche Agricole della conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, che vede componenti gli assessori al ramo di tutte le regioni italiane, la proposta che impegna il Governo nazionale ad intraprendere immediate e concrete iniziative a favore dei marittimi sequestrati in Libia lo scorso primo settembre.

Tre i punti proposti dall’assessore Bandiera e approvati nel documento: intraprendere ogni iniziativa utile per giungere alla immediata liberazione dei pescatori sequestrati dalle Autorità Libiche e detenuti in Libia; attivare, immediatamente, un canale umanitario affinché possano essere acquisite, de visu, informazioni sulle condizioni detentive e di salute dei pescatori sequestrati; attivare un fondo di solidarietà per il sostegno economico delle famiglie dei pescatori colpite da tali eventi.

Bandiera: “Chiediamo concreta vicinanza”

Desidero ringraziare i colleghi della Conferenza Politiche Agricole per la sensibilità e il sostegno che hanno dato al documento che abbiamo unanimemente approvato, che ulteriormente ribadisce al Governo nazionale l’esigenza di fare presto – ha affermato l’assessore Bandiera -. A fronte di quest’ultimo gravissimo e doloroso episodio, solo in parte inedito e di certo poco chiaro, è evidente che, oltre al dramma degli ostaggi, vi è l’angoscia delle loro famiglie, private oltre che dell’affetto dei propri cari, anche della fonte economica di sostentamento, spesso l’unica, per la quali chiediamo concreta vicinanza“.

Miccichè: “Bene sostegno Regione a famiglie”

“Il sostegno concreto alle famiglie dei pescatori sequestrati in Libia è molto importante, in una vicenda che continua ad essere inconcepibile e assurda. Dopo il primo aiuto da parte dell’Ars, l’iniziativa del governo regionale, che ha stanziato centomila euro per aiutare i familiari dei lavoratori bloccati nel Paese straniero, va appoggiata e condivisa ed è sulla stessa lunghezza d’onda di quella del Parlamento siciliano, che aveva già dato un segnale di solidarietà reale in favore dei familiari dei pescatori”.

Così il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè, sulla decisione del governo Musumeci.

Il sindaco Quinci: “Nessun accordo con la Libia”

Non c’è nessun accordo tra il governo della Repubblica Italiana e lo Stato della Libia per lo scambio di detenuti. Me lo ha confermato al telefono il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, a seguito delle polemiche che si sono scatenate per il servizio delle ‘Iene’“.

Lo dice il sindaco Salvatore Quinci, su un presunto accordo tra il governo italiano e la Libia per il rilascio dei 18 marittimi sequestrati da oltre 50 giorni.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin