Pescherecci sequestrati in Libia, Musumeci a Conte: "Intervenga prima che sia tardi" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Pescherecci sequestrati in Libia, Musumeci a Conte: “Intervenga prima che sia tardi”

di
10 Settembre 2020

Un intervento, presso le autorità libiche, per arrivare a una rapida soluzione nella vicenda del sequestro dei due motopescherecci di Mazara del Vallo. Lo ha chiesto il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, con una lettera inviata al presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte.

IL GOVERNATORE

“Ormai da alcuni giorni – scrive il governatore – non si hanno più notizie dei due motopescherecci di Mazara del Vallo ”Antartide” e “Medinea”, sequestrati il primo settembre a 35 miglia a nord di Bengasi. Interpretando il sentimento non solo delle famiglie dei diciotto marinai a imbarcati ma dell’intera Comunità siciliana, Le chiedo un Suo autorevole intervento, presso le autorità libiche, affinché si pervenga ad una rapida e indolore soluzione della triste vicenda, che sta creando sgomento e inquietudine nella mia Isola”.

L’ASSESSORE BANDIERA

Dai contatti odierni con la Farnesina, da parte dell’assessore regionale siciliano per la Pesca Mediterranea, Edy Bandiera, è emerso che: “tutti i competenti organi dello Stato italiano sono impegnati, nel più stretto riserbo, nella trattativa per il rilascio in tempi brevi degli equipaggi dei pescherecci, Antartide e Medinea, sequestrati lo scorso 2 settembre a largo di Bengasi. Gli equipaggi si trovano in stato di fermo ma non d’arresto, non possono riprendere il mare né, ad oggi, rimpatriare. Nei loro confronti non è stato formalizzato alcun capo di accusa”.

“Una parte dell’equipaggio – aggiunge – è stata autorizzata a restare sulle barche in porto, mentre un’altra parte è stata trasferita sulla terraferma negli uffici della polizia locale. Sono tutti in buone condizioni di salute e a tutti vengono forniti i pasti”.

 

LEGGI ANCHE

Sequestrati due pescherecci in acque libiche, sono di Mazara del Vallo

Pescherecci sequestrati: “L’equipaggio sta bene, attendiamo la liberazione”

Pescherecci sequestrati in Libia, gli armatori: “Siamo preoccupati, non abbiamo notizie dalla Farnesina

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin