Peschereccio affondato al largo di Malta, Bandiera: "Siamo in contatto con le autorità marittime" :ilSicilia.it

A causa delle proibitive condizioni meteo-marine

Peschereccio affondato al largo di Malta, Bandiera: “Siamo in contatto con le autorità marittime”

di
22 Maggio 2019

Siamo in stretto e continuo contatto con la famiglia e con il comandante dell’imbarcazione, Fabio Sapienza, che in questo momento si trova a Malta” – afferma l’assessore regionale per la Pesca Mediterranea, Edy Bandiera, in merito al peschereccio siracusano Zaira, affondato al largo di Malta nelle scorse settimane per le proibitive condizioni meteo-marine.

Fin da subito – aggiunge – abbiamo fornito il necessario supporto legale e stamattina mi sono recato con l’armatrice, moglie del comandante dell’imbarcazione, presso la Capitaneria di Porto di Siracusa, per verificare gli aspetti tecnico normativi legati all’esigenza di riportare in patria, a Siracusa, il motopesca, che in queste ore si trova a Malta”.

D’intesa col presidente Musumeci – conclude –  in occasione della discussione sul disegno di legge “Pesca Mediterranea”, calendarizzato in Aula all’Ars per il prossimo mercoledì 28 maggio, il Governo presenterà un emendamento che ci consentirà di dotarci dello strumento normativo necessario per sostenere pescatori, armatori e marinerie vittime di naufragi“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.