Peschereccio di Mazara del Vallo sequestrato da militari tunisini armati :ilSicilia.it
Trapani

La guerra del pesce

Peschereccio di Mazara del Vallo sequestrato da militari tunisini armati

di
16 Settembre 2017

Il peschereccio mazarese “Anna Madre” è stato sequestrato nella notte da una motovedetta tunisina mentre si trovava in acque internazionali, a sud di Lampedusa.

A bordo dell’imbarcazione sono saliti cinque militari tunisini armati che hanno rinchiuso in una cabina il comandante, Giacomo Giacalone, hanno assunto il comando e invertendo la rotta si stanno dirigendo verso il porto di Sfax, dove dovrebbero giungere fra circa cinque ore. A dare la notizia è Giampiero Giacalone, uno degli armatori dell’imbarcazione che appartiene alla società “Pesca giovane srl”.

Il peschereccio era già sfuggito a un tentativo di sequestro, sempre ad opera di militari tunisini, lo scorso 2 agosto, mentre si trovava sempre in acque internazionali. “Ho appreso la notizia del sequestro dell’Anna Madre dalla Capitaneria di porto – riferisce Giampiero Giacalone -. Dalle notizie in nostro possesso sono intervenuti sia la nave della Marina militare italiana che si trovava a una quindicina di miglia dal nostro natante sia un elicottero sempre della Marina militare italiana. Sappiamo inoltre, che i cinque militari tunisini saliti a bordo erano armati”.

Per l’armatore quello che è accaduto: “E’ un fatto anomalo, che stiamo valutando. Va anche evidenziato che a bordo il nostro peschereccio non ha pesce fresco, ma soltanto congelato. Nella stiva ci sono all’incirca tre tonnellate di gamberi e cento chilogrammi di pesce misto. Si tratta di specie di pesci che non si pescano nelle acque tunisine. Al momento attendiamo di avere notizie dalle fonti diplomatiche interessate”.

 

LE REAZIONI

“Questo sequestro – dice il sindaco di Mazara del Vallo, Nicola Cristaldi – è da esaminare a fondo perché ha tutta l’aria di una ritorsione essendo stato lo stesso natante già oggetto di precedenti tentativi di sequestri. È l’ennesimo atto ostile che i nostri natanti subiscono nel Mediterraneo. E ciò non è più tollerabile. Non è possibile – aggiunge – che in acque internazionali, nelle quali tutti possono pescare, un natante venga sequestrato, con il rischio per la sicurezza degli uomini a bordo e danni economici ingenti. Il Governo italiano intervenga immediatamente per il rilascio dell’equipaggio e del natante. Questa è la priorità. Ma non è più rinviabile un tavolo di concertazione con i paesi rivieraschi per evitare simili episodi”.

 

Alle 23,46 di ieri sera il peschereccio “Anna Madre”, iscritto al Compartimento Marittimo di Mazara del Vallo, è stato sequestrato in prossimità del cosiddetto “Mammellone” (area di pesca protetta istituita bilateralmente fra Italia e Tunisia nel 1979 e delimitata dall’andamento della linea batimetrica dei 50 metri) da militari della Marina Tunisina che ne hanno contestato l’irregolarità della posizione.Giovanni Tumbiolo Il Presidente del Distretto della Pesca e Crescita Blu, Giovanni Tumbiolo, che fin dalle primissime ore ha seguito la vicenda, ha dichiarato: «L’incidente del peschereccio “Anna Madre”, già vittima di reiterati tentativi di sequestro negli ultimi mesi, è stato seguito fin da subito dalla filiera politico, diplomatica e militare italiana. Infatti il nostro Ambasciatore in Tunisia, S.E. Raimondo De Cardona, su precise istruzioni della Farnesina (il Ministro Angelino Alfano segue da vicino la vicenda) si è subito messo all’opera nel corso della notte. Lo stesso Assessore regionale alla Pesca, Antonello Cracolici, si è attivato sensibilizzando l’Ambasciata Italiana ed il Ministero degli Esteri. Anche la Marina Militare Italiana, che si è distinta negli ultimi mesi con operazioni che hanno evitato il sequestro di altri pescherecci, è prontamente intervenuta con un proprio mezzo aereo ma già il peschereccio si trovava nelle acque territoriali tunisine».

Tumbiolo ha aggiunto: «Si tratta della tristemente nota guerra del pesce che ha arrecato in questi decenni moltissimi danni alla nostra economia e rischia di incidere sui rapporti fra l’Italia e la Tunisia. Ci auguriamo – ha sottolineato – che rapidamente questa crisi venga risolta e confidiamo nel tempestivo intervento delle Istituzioni regionali e nazionali. Siamo particolarmente fiduciosi – ha concluso il presidente del Distretto Siciliano – dell’incontro che stamattina il nostro Ambasciatore De Cardona avrà con il Ministro dell’Agricoltura e Pesca della Tunisia, l’amico della Sicilia Samir Taieb».       

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin