Peschereccio siciliano affonda in Libia [Foto] :ilSicilia.it
Trapani

Continua la "guerra del pesce"

Peschereccio siciliano affonda in Libia [Le foto]

di
21 Novembre 2017
Bengasi 21/11/17 - Affondato nel porto di Bengasi, in Libia, il motopesca mazarese Daniela L sequestrato da un gruppo di miliziani armati nell’ottobre 2012.
FOTO ARCHIVIO
Bengasi 21/11/17 - Affondato nel porto di Bengasi, in Libia, il motopesca mazarese Daniela L sequestrato da un gruppo di miliziani armati nell’ottobre 2012.

E’ affondato nel porto di Bengasi, in Libia, il motopesca Daniela L sequestrato da un gruppo di miliziani armati nell’ottobre 2012, in acque internazionali, a 38 miglia dalle coste libiche.

La sequenza dei fotogrammi dell’affondamento è stata recapitata oggi da Bengasi al presidente del Distretto della Pesca e Crescita Blu, Giovanni Tumbiolo, che ha seguito la complessa vicenda.

Tumbiolo ha informato del fatto con una nota il presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni, sottolineando come si tratti “solo dell’ultimo atto di una guerra dimenticata, guardata talvolta dalle istituzioni come se fosse una guerra privata fra miliziani e questa comunità marinara che, colpita alle spalle persino dal fuoco amico di pezzi delle istituzioni, subisce e combatte da sola”.

La cosiddetta “guerra del pesce” negli anni ha provocato tre morti e 27 feriti, colpiti dal fuoco di militari di Paesi rivieraschi. Sono stati oltre 300 i pescatori prigionieri e detenuti nelle carceri dei Paesi nord africani di Libia, Tunisia, Egitto ed Algeria. Pesanti sono stati altresì gli oneri pagati per il riscatto degli oltre 150 pescherecci sequestrati dei quali 6 definitivamente confiscati, cui si aggiunge proprio il Daniela L.

Un danno economico che gli esperti dell’Osservatorio della Pesca del Mediterraneo hanno calcolato in oltre 100 milioni di euro la perdita di oltre 4000 posti di lavoro.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin