Pestaggio a Ursino: bocciata l'accusa di tentato omicidio, scarcerati i due aggressori :ilSicilia.it
Banner Bibo

Gip derubrica reato in "lesioni gravissime"

Pestaggio a Ursino: bocciata l’accusa di tentato omicidio, scarcerati i due aggressori

di
24 Febbraio 2018

Il gip Roberto Riggio ha convalidato il fermo di Giovanni Codraro e Carlo Mancuso arrestati per l’aggressione di Massimo Ursino, segretario palermitano di Forza Nuova pestato martedì in centro a Palermo.
La Procura aveva contestato loro il tentato omicidio, ma il giudice ha derubricato il reato in lesioni gravissime e ha disposto il divieto di dimora a Palermo e in provincia e l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e non la custodia cautelare in carcere come chiesto dall’accusa. I due sono dunque liberi.

ursinoUrsino è stato legato, imbavagliato e picchiato a sangue. Per il pm Ennio Patrigni le modalità dell’aggressione configuravano il tentato omicidio aggravato. Ipotesi contestata dal legale dei due, entrambi esponenti dei centri sociali palermitani: “E’ un’accusa spropositata”, aveva detto il difensore Giorgio Bisagna.

Del commando che ha picchiato Ursino facevano parte altre 6 persone, tra cui una ragazza che è stata denunciata a piede libero insieme ad altri 4. Per loro, secondo gli inquirenti, non si sarebbero raccolti indizi tali da richiedere il fermo. Codraro e Mancuso sono stati incastrati dalle immagini riprese da videocamere della zona. La ragazza ha girato un video con il cellulare durante l’aggressione che è stato diffuso su diversi siti web. L’audio sarà usato dai consulenti della Procura per confermare il ruolo della giovane nell’aggressione.

Gli investigatori stanno ancora cercando gli altri due aggressori ancora non identificati.


Le reazioni.

Giorgio Martinico
Giorgio Martinico

Il commento a caldo di Giorgio Martinico portavoce centri sociali palermitani Ex Karcere e Anomalia.

«Crolla dunque il castello giudiziario creato ad arte da Digos e PM per colpire i centri sociali. Sale alle stelle  l’entusiasmo e aumenta minuto dopo minuto il livello di partecipazione alla manifestazione antifascista cittadina, prevista per oggi alle ore 16:00 con concentramento in piazza Verdi, indetta da associazioni, partiti, sindacati, comitati di quartiere,  centri sociali e collettivi studenteschi. Il serpentone eterogeneo ma univoco nelle istanze affermerà l‘identità assolutamente antifascista, e dunque antisessista e antirazzista, della città di Palermo».

«Solo un gran polverone quello alzato da Pm e Digos con il supporto dei media. Una ridicola trama accusatoria ordita per distruggere i centri sociali e creare i soliti distinguo tra buoni e cattivi. Niente da fare però! E oggi per la nostra città sarà solo un giorno in più per affermare la sua anima antifascista. Non si è trattato di un pestaggio, lo ha capito anche il gip che li ha liberati. Hanno solo umiliato un fascista. Vi hanno parlato di ossa rotte e crani aperti. Tutte falsità. Ursino ha avuto 5 giorni di prognosi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin