22 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 14.02
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
Palermo

fino a dicembre

Petralia Soprana, cultura e tradizione: al via il “Madonie Landscapes”

11 luglio 2018

Sarà presentato ufficialmente domani, alle 17,30, a Petralia Soprana, nello splendido palazzo Pottino, Madonie Landscapes. Un programma d’iniziative, fino a dicembre, realizzato dal Museo Civico di Castelbuono (capofila dell’Area Metropolitana per il progetto Palermo Capitale della Cultura) dall’Ente Parco delle Madonie e da 13 Comuni: Bompietro, Caltavuturo, Castelbuono, Castellana Sicula, Gangi, Geraci Siculo, Gratteri, Isnello, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Polizzi Generosa, Pollina, San Mauro Castelverde.

Un’idea nata per vivere un ambiente naturale appagante, quello del Parco delle Madonie e di 13 comuni del comprensorio madonita, ma anche un’occasione per scoprire un patrimonio storico e culturale unico nell’area del mediterraneo che coniuga colori, sapori, arte, cultura, forme espressive e tradizioni popolari. Il progetto Madonie Landscapes (paesaggi delle Madonie) difatti include manifestazioni culturali e tradizionali, itinerari naturalistici, artistici e religiosi e anche una residenza d’artista.

A presentarlo saranno: Laura Barreca direttrice del Museo Civico di Castelbuono, Pietro Macaluso sindaco di Petralia Soprana e presidente dell’Unione dei Comuni Madonie, il commissario dell’ente Parco Salvatore Caltagirone e Giovanni Nicolosi assessore al turismo dell’Unione dei Comuni Madonie.

Madonie Landscapes – dice l’assessore Giovanni Nicolosiè un importante momento di coesione per il territorio, per la prima volta abbiamo condiviso gli eventi culturalmente più rilevanti che si svolgono nelle Madonie, un’iniziativa che sicuramente rappresenta una base di partenza per coinvolgere tutti gli altri comuni del comprensorio”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.