11 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.41
Palermo

Dal 25 al 29 giugno

Petralia Soprana, entrano nel vivo i festeggiamenti per i Patroni S.S. Pietro e Paolo | IL PROGRAMMA

25 Giugno 2019

Il Borgo più bello d’Italia si prepara a vivere i festeggiamenti dei S.S. Pietro e Paolo, Patroni del paese. È il primo appuntamento dopo l’elezione di Petralia Soprana (PA) a Borgo dei Borghi 2018, il prestigioso riconoscimento assegnato da Rai 3 nell’ambito della trasmissione il Kilimangiaro.

Le celebrazioni, organizzate dal Comune di Petralia Soprana, dall’Arcipretura Parrocchiale e dal Comitato guidato da Aurelia Lo Mauro, sono già iniziate lo scorso 20 giugno con l’apertura de “U Fistinu” e si chiuderanno, sabato 29, con l’imponente Processione e il concerto “Grande Sud” con Mario Incudine ed Eugenio Bennato. Quest’anno ci sarà, anche, una coda particolare ai festeggiamenti e, infatti, domenica 30 giugno, sarà conferita dal Vescovo Mons. Giuseppe Marciante l’ordinazione diaconale a Santo La Placa.

PROGRAMMA

Martedì 25 giugno – in serata

La professione di fede e il giuramento. Dopo la messa e la processione dei simulacri, nella piazza Frate Umile, ci sarà lo spettacolo musicale del gruppo “Fataciumi” offerto da bar Internet Cafè “La Piazzetta”.

Mercoledì 26 giugno – in serata dopo le celebrazioni

Gli Stendardieri Sopranesi in Piazza Duomo omaggeranno il loro spettacolo ai S.s. Apostoli Pietro e Paolo.

Giovedì 27 giugno

In scena la Banda Musicale “G. Verdi” e la sera si rinnova l’appuntamento con l’accoglienza alla “Santa Croce” delle sacre effigie provenienti dalle frazioni: Madonnuzza, Raffo, SS. Trinità, Pianello, Pellizzara, Cipampini e San Giovanni accompagnati dalle delegazioni parrocchiali che in processione arriveranno in Piazza Duomo. Seguirà lo spettacolo musicale degli alunni della scuola media ad indirizzo musicale dell’Istituto Comprensivo del paese.

Venerdì 28 giugno – Giorno della vigilia

La festa inizierà di mattina con il giro per le vie del paese della banda musicale e dei tamburinai, il suono delle campane a festa.

Nel pomeriggio, dopo la lettura del Sindaco Pietro Macaluso dell’atto di consacrazione della comunità di Petralia Soprana al Sacro Cuore di Gesù, sarà il complesso bandistico “G. Verdi” a intrattenere nella Piazza del Popolo fino a sera, quando, dopo la Messa e la processione dei simulacri minori, si potrà assistere, in Piazza Duomo, allo spettacolo di Cabaret con Stefano Piazza.

Sabato 29 giugno – Giornata conclusiva

Varie le celebrazioni previste nella Chiesa Madre compresa quella delle 11 che sarà presieduta dal Parroco Don Calogero Falcone e vede la partecipazione del Coro Polifonico “Petra Ensemble” diretto dall’Ins. M. Cerami alla presenza delle autorità civili e militari.

Nel pomeriggio, alle 18.30, la Processione dei S.s. Apostoli Pietro e Paolo con tutte le statue dei santi presenti nelle varie chiese di Petralia Soprana e delle borgate.

Alle 22, il Concerto “Grande Sud” con Mario Incudine ed Eugenio Bennato.

I festeggiamenti si concluderanno con lo spettacolo pirotecnico.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.