Petralia Sottana: in mostra l'arte sismografica e vulcanologica del Collettivo Neuma | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

fino a gennaio 2020

Petralia Sottana: in mostra l’arte sismografica e vulcanologica del Collettivo Neuma | FOTO

25 Luglio 2019
GIACOMO BERTOLINO
MARCO FAVATA
MASSIMILIANO SCUDERI
MICHELE DI DONATO

Guarda la fotogallery in alto 

Fa tappa a Petralia Sottana, dove rimarrà fino al 26 gennaio 2020, la mostra del Collettivo Neuma, “Visions of the Earth“, il racconto della sismologia e della vulcanologia attraverso le opere di quattro artisti siciliani.

L’esposizione all’Exma Officina Creative, realizzata in collaborazione con l’INGV, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, e con il patrocinio del Polo Museale Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo, è il frutto di un lungo periodo di preparazione durante il quale è stato coinvolto il comune delle Madonie.

In mostra le 20 opere degli artisti del Collettivo Neuma che spaziano dall’astrazione alla figurazione: 5 sculture di Giacomo Bertolino; 5 tele di Marco Favata; 8 tele di Massimiliano Scuderi; un’installazione di fotografie e una stampa fotografica di Michele Di Donato.

Collettivo Neuma

Accanto alle opere gli strumenti di rilevamento forniti per l’occasione dall’INGV quali sismografi di terra e di mare, plastici con sistemi di misura dei gas vulcanici e riproduzioni di vulcani in scala ridotta provenienti dalle sedi di Catania, Palermo e Gibilmanna: un’occasione per far conoscere al pubblico, attraverso le immagini, il lavoro grafico prodotto da questi strumenti durante diverse fasi d’indagine a seconda degli scopi specifici.

Visions oh Heart promuove e diffonde una coscienza estesa dell’immaginazione scientifica e artistica – spiega la curatrice e presidente del Collettivo Neuma, Fabiola Di Maggiodove gli strumenti per lo studio, la salvaguardia e la visualizzazione della terra sono non solo delle innovazioni tecnologiche ma diventano dei media che interagiscano, informando e ispirando l’arte, in un meccanismo circolare, spesso inconsapevolmente connesso e impercettibile, che la cultura visuale contemporanea ha il compito di rendere visibile“.

I lavori del Collettivo Neuma offrono, in definitiva, la possibilità di comprendere l’innesto e la relazione che da sempre intercorre tra arte e tecnologia, che le immagini, più di ogni altro dispositivo a nostra disposizione, riescono evidentemente e istantaneamente a spiegare.

L’arte sismografica e vulcanologica, raffigurando un’inedita visione estetica dei moti terrestri e marini, così come del mondo vulcanico, promuove una riflessione sul valore multi-prospettico dello sguardo umano che non si limita mai e soltanto a registrare il reale.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona