Piana degli Albanesi, crepe nel centrodestra: "Presidente del Consiglio comunale in opposizione a se stesso" :ilSicilia.it
Palermo

Le accuse dei colleghi

Piana degli Albanesi, crepe nel centrodestra: “Presidente del Consiglio comunale in opposizione a se stesso”

di
30 Aprile 2019

A ridosso delle Elezioni Europee, “sembrano aprirsi profonde crepe nella compagine consiliare di centrodestra“. Ad affermarlo il vicesindaco di Piana degli Albanesi (PA) Tommaso Matranga – fedelissimo del sindaco Rosario Petta – e il vicepresidente del Consiglio Comunale Rocco Mancuso, appartenenti al movimento Idea Sicilia Popolari e Autonomisti.

A generare la spaccatura è Alberto Petta, eletto presidente del Consiglio solamente con i voti del gruppo “Piana Riparte”.

Mancuso afferma: “Inaccettabile il comportamento di questo presidente che appare irrispettoso delle persone, dei ruoli e dei colori politici”.

A rendere profonda la spaccatura i continui schieramenti del presidente Petta con l’opposizione, non ultimo quello molto recente che lo ha visto votare contro la nomina del consigliere Mancuso a componente dell’Unione dei comuni Besa.

Anche la capogruppo di Piana Riparte Morena Picone attacca: “Il presidente del Consiglio non garantisce più l’imparzialità che dovrebbe contraddistinguere il suo ruolo, è continuamente impegnato a pubblicare, sui social, post e video contro l’attuale amministrazione, se questo comportamento dovesse continuare, saremmo coerenti ed inevitabili nel chiedere le dimissioni del presidente del consiglio”.

“Uno sforzo immane quello del presidente – dichiara l’assessore Simona Scalia quello di veicolare volontà e impegno nell’intento di lavorare solo contro l’Amministrazione Comunale con risultati mediocri e scadenti per la sua stessa immagine”.

Il Sindaco Rosario Petta sulla problematica ha aggiunto: “Da oltre un anno e mezzo il comune di Piana subisce una conduzione inqualificabile da parte di un presidente irrispettoso, irriguardoso e del tutto inadeguato al suo ruolo. Stare giorno e notte ad attaccare sui social un’Amministrazione Comunale che con grandi sacrifici fa di tutto per risollevare le sorti di un comune in pre-dissesto, senza l’esercizio di nessuna iniziativa degna di nota è inaccettabile. Spero che gli organi politici di riferimento si attivino con le dovute azioni, atte a garantire il normale svolgimento dell’arduo lavoro che la mia Amministrazione sta portando avanti”.

Il vicesindaco Matranga auspica “un immediato intervento delle forze politiche per questa imbarazzante situazione, e per scongiurare ripercussioni sul candidato di bandiera delle prossime elezioni europee del movimento Idea Sicilia Popolari e Autonomisti, Saverio Romano“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin