Piana degli Albanesi: importanti misure per il risanamento del Comune :ilSicilia.it
Palermo

lo dice il sindaco Rosario Petta

Piana degli Albanesi: importanti misure per il risanamento del Comune

di
5 Luglio 2020

Piana degli Albanesi (PA), tra i primi comuni che attingono alla anticipazione di liquidità per il pagamento dei debiti fino al 31 dicembre 2019.

Con deliberazione di Giunta n° 50 è stata approvata l’autorizzazione a richiedere, alla Cassa Depositi e prestiti S.P.A., la concessione dell’anticipazione di liquidità di cui agli artt. 115 e 116 del Decreto Legge 19 Maggio 2020 n. 34.

La contrattazione con la CC.DD.PP. (Cassa depositi e prestiti), per quanto stabilito nel decreto “Rilancio” n. 34, prevede una anticipazione di Liquidità per la somma di € 581.556,06 comprensiva d’Iva, per tutti i crediti commerciali certi, liquidi ed esigibili, che trovano allocazione nella piattaforma dei crediti commerciali (denominata PCC) sino alla data del 31/12/2019.

Si evidenzia che non costituisce nuovo indebitamento, per quanto previsto ai sensi dell’art. 3, comma 17, della Legge 350 del 24/12/2003, ma trattasi di una mera anticipazione di liquidità, al tasso d’interesse nominale annuo del 1,226% con scadenza al 31/10/2049.

Questo indica un passo avanti da parte della nostra Amministrazione, insieme a misure fondamentali come la transazione ATO con un risparmio per le casse dell’Ente di € 750.000,00, su un debito dovuto di € 950.000,00.

Questi sono elementi da considerare efficaci e concreti soprattutto a fronte di:

– aver pagato solo nel mese di Gennaio 2020 debiti fuori bilancio di anni pregressi, generati da amministrazioni precedenti, per un ammontare di € 270.000,00 circa;
– aver rinegoziato mutui a carico della CC.DD.PP. e del Ministero delle Finanze (MEF) riducendo il carico finanziario dell’ente.
Allo stato attuale, per il Comune di Piana questa opportunità di ridurre lo stock debitorio di €. 581.556,06 e rientrare nell’indicatore della tempestività dei pagamenti, rileva un effetto positivo per la situazione finanziaria dell’ente, oltre ad avere margine di liquidità e poter affrontare e soddisfare le obbligazioni a breve termine.

La richiesta già inoltrata dagli uffici ha avuto il parere favorevole da parte del Collegio dei Revisori, (puntuale e preciso nella fase di controllo degli atti) rilevando, altresì, che l’estinzione dei debiti per i quali viene richiesta l’anticipazione deve avvenire entro 30 giorni dall’avvenuto accreditamento nel conto di tesoreria dell’ente; pertanto nella previsione di ottenere l’importo richiesto, come in istanza, entro il mese di Settembre corrente anno, a fine Ottobre debbono essere estinti tutti i debiti caricati nella PCC.

L’istanza di adesione è stata inoltrata in data 1 Luglio.

Nicolò Benfante
Nicolò Benfante

Ringrazio gli uffici comunali per il lavoro svolto in stretta collaborazione con la nostra Amministrazione e con l’Assessore al Bilancio Nicolò Benfante. Continuiamo senza indugi nel perseguire giorno dopo giorno gli obbiettivi prefissati nel programma elettorale che prevedeva il risanamento delle casse del comune ridotto in predissesto ed in totale abbandono”, ha dichiarato il sindaco Rosario Petta.

“Oggi – prosegue – grazie alle molteplici iniziative portate avanti con programmazione, progettualità e competenza siamo sulla buona strada nel poter dare spiragli di futuro. La determinazione, la costanza ed il lavoro continuo alla lunga iniziano a dare i loro frutti, per un futuro migliore della nostra comunità. Piana merita di avere la possibilità di esporre e dimostrare le qualità e capacità nel panorama Provinciale, Regionale e Nazionale”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.