Piano Battaglia, 50enne travolta da slittino: l'intervento del soccorso alpino :ilSicilia.it
Palermo

il fatto

Piano Battaglia, 50enne travolta da slittino: l’intervento del soccorso alpino

di
23 Gennaio 2022

Tre interventi del Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano, stazione di Palermo, nella località montana di Piano Battaglia (Palermo), presa d’assalto dai gitanti dopo le abbondanti nevicate dei giorni scorsi.

L’incidente più grave ha avuto come vittima una cinquantenne di Canicattì (Agrigento) che è stata travolta da uno slittino mentre passeggiava sul pianoro. La donna è caduta all’indietro ed ha sbattuto la testa sulla neve ghiacciata, riportando un trauma cranico.

Immediato l’intervento delle squadre del Soccorso Alpino in servizio in virtù della convenzione con la Protezione civile della Città metropolitana di Palermo per garantire l’assistenza e il soccorso nel comprensorio nei fine settimana durante il periodo di innevamento. I tecnici l’hanno caricata su una barella trasportandola a bordo del gatto delle nevi fino alla guardia medica, che ne ha disposto il trasferimento all’ospedale di Petralia Sottana con un’ambulanza del 118.

E’ andata meglio ad un palermitano di 69 anni che si è procurato una contusione alla gamba destra sbandando mentre scivolava lungo un pendio con lo slittino. Assistito per un lieve malore, invece, un bambino nisseno di 12 anni.

Domenica scorsa un palermitano di 23 anni si era infortunato mentre scendeva a velocità sostenuta con una “paletta” sul pendio sotto il parcheggio sciatori. L’uomo aveva perso il controllo rimbalzando su una conca piena di neve ghiacciata per finire la sua corsa contro un masso, riportando la sospetta frattura del bacino. Per lui era stato necessario il trasferimento in ambulanza a Petralia.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.