Piano Battaglia: aggiudicata la gara per le piste, ma sulle Madonie fioccano le polemiche :ilSicilia.it
Palermo

dopo tre gare andate deserte

Piano Battaglia: aggiudicata la gara per le piste, ma sulle Madonie fioccano le polemiche

14 Gennaio 2020

Affidata la gestione delle piste di Piano Battaglia. La conferma arriva dalla Città metropolitana di Palermo. “Si comunica che in data odierna è stata celebrata su piattaforma ME.PA. la gara relativa al servizio annuale per la gestione delle piste da discesa, dei sentieri di collegamento e dei sentieri naturalistici della Mufara, ricadenti nell’area sciabile attrezzata di Piano Battaglia. Stagione invernale 2019-2020 – Stagioni estate – autunno 2020 – si legge nella nota -. È risultata aggiudicataria provvisoria l’impresa “Impianti e Asfalti s.r.l.”

L’azienda ha presentato un ribasso del 32,25%. Si procederà, in tempi brevi, a richiedere la documentazione di rito per l’aggiudicazione definitiva e a convocare presso gli uffici della Direzione la suddetta impresa per l’organizzazione del servizio in questione.

L’aggiudicazione della gara per le piste di Piano Battaglia ad un gestore diverso da quello degli impianti di risalita rende impossibile la loro apertura”.

È il commento contenuto in una nota della Piano Battaglia srl che gestisce gli impianti di risalita. “Non si sentiva il bisogno – continua la nota – di questa prova, definitiva, della incapacità della Città Metropolitana di Palermo a gestire l’unica Area Sciabile Attrezzata della Sicilia. Danni ingenti per il gestore Piano Battaglia srl e incalcolabili per le Madonie. Attendiamo – conclude – risposte da chi sovrintende all’operato dell’Amministrazione e dalla Magistratura”.

 

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.