Piano Battaglia: il sindaco di Polizzi ripara la strada chiusa da 13 anni, ma viene denunciato :ilSicilia.it
Palermo

Giuseppe Lo Verde risponde alla denuncia

Piano Battaglia: il sindaco di Polizzi ripara la strada chiusa da 13 anni, ma viene denunciato

28 Aprile 2019

Una denuncia contro ignoti è arrivata alla caserma dei carabinieri di Polizzi Generosa, in provincia di Palermo. Riguarda i lavori effettuati gratuitamente cinque giorni fa sulla strada che collega il Comune con Piano Battaglia chiusa da 13 anni.

Lavori che sono serviti a mettere in sicurezza un tratto di strada che consente ai proprietari terrieri di accedere nelle loro abitazioni rurali senza pericolo.

“È assurdo – commenta il sindaco Giuseppe Lo Verdegratuitamente alcune ditte di Polizzi riparano la strada per Piano Battaglia per consentire almeno ai residenti di raggiungere le loro campagne, interdette loro da anni, e dall’ex provincia di Palermo, che dovrebbe provvedere a fare questi lavori, arriva una denuncia contro ignoti per i lavori effettuati”.

giuseppe-lo-verde
Giuseppe Lo Verde

Il primo cittadino di Polizzi Generosa ricostruisce i giorni che hanno preceduto i lavori gratuiti effettuati sulla strada: “A chi ha firmato la denuncia voglio ricordare che lo scorso 3 aprile abbiamo fatto avere via PEC al Sindaco della Città metropolitana una ordinanza sindacale con la quale si disponevano provvedimenti di massima urgenza sulla strada. Nell’ordinanza si diceva che avevamo ricevuto disponibilità da sei ditte locali ad eseguire i lavori senza alcuno aggravio per il Comune”. 

“In questa ordinanza si spiegava la situazione della strada che è l’unica via dei proprietari terrieri per raggiungere le proprie abitazioni rurali – aggiunge il primo cittadino -. Sempre nell’ordinanza è scritto che su questa strada non si può transitare perché pericolosa per i proprietari terrieri in quanto in caso di necessità i mezzi di soccorso non possono garantire un tempestivo arrivo”.

Il sindaco Lo Verde è preciso: “A chi ha firmato la denuncia voglio ricordare che dal 3 aprile al 23 aprile, quando sono stati effettuati gratuitamente i lavori sulla strada, sono trascorsi venti giorni senza che nessuno rispondesse all’ordinanza recapitata”.

Per il primo cittadino di Polizzi la situazione è chiara: “Ritengo la denuncia un atto contro la mia persona. È un atto contro il sindaco di Polizzi Generosa che in questi mesi ha alzato la voce contro chi avrebbe dovuto riparare la strada e da anni non ha fatto niente. Vogliono zittirmi. Vogliono mettermi paura. Il sindaco di Polizzi non farà silenzio. Il sindaco di Polizzi non ha paura. Ho voluto subito far conoscere quello che succede a Polizzi e per questo informo tutti con questo comunicato stampa. La strada va riparata e subito. Se qualcuno in questi anni non l’ha fatto, oggi non può per nessun motivo nascondersi dietro una denuncia contro anonimi”.

 

LEGGI ANCHE:

Polizzi Generosa, sindaco e operai insieme per riparare la strada

Strada chiusa da tredici anni, il sindaco di Polizzi: “M’incatenerò ogni giorno per un’ora”

Tag:

La pittrice della Via Crucis | LE FOTO

Con questo bell'articolo sulla pittrice Maria Pia De Angelis si inaugura oggi "L'Occhiotriquetro - note e postille", la nuova rubrica di Piero Longo, poeta, critico teatrale, critico e storico dell'arte, nonché presidente de "Gli Amici del Teatro Biondo" e presidente onorario di "Italia Nostra Palermo"
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Ad Alimena la Misericordia cuce le mascherine per tutti

La Misericordia di Alimena, che da anni opera nel sociale ed è fautrice di tante belle iniziative, ha iniziato a produrre le mascherine. Saranno distribuite gratuitamente a chi ne farà richiesta e sono già state stilate diverse liste per andare incontro soprattutto alle esigenze di tanti anziani.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona