Piano Battaglia: il sindaco di Polizzi ripara la strada chiusa da 13 anni, ma viene denunciato :ilSicilia.it
Palermo

Giuseppe Lo Verde risponde alla denuncia

Piano Battaglia: il sindaco di Polizzi ripara la strada chiusa da 13 anni, ma viene denunciato

28 Aprile 2019

Una denuncia contro ignoti è arrivata alla caserma dei carabinieri di Polizzi Generosa, in provincia di Palermo. Riguarda i lavori effettuati gratuitamente cinque giorni fa sulla strada che collega il Comune con Piano Battaglia chiusa da 13 anni.

Lavori che sono serviti a mettere in sicurezza un tratto di strada che consente ai proprietari terrieri di accedere nelle loro abitazioni rurali senza pericolo.

“È assurdo – commenta il sindaco Giuseppe Lo Verdegratuitamente alcune ditte di Polizzi riparano la strada per Piano Battaglia per consentire almeno ai residenti di raggiungere le loro campagne, interdette loro da anni, e dall’ex provincia di Palermo, che dovrebbe provvedere a fare questi lavori, arriva una denuncia contro ignoti per i lavori effettuati”.

giuseppe-lo-verde
Giuseppe Lo Verde

Il primo cittadino di Polizzi Generosa ricostruisce i giorni che hanno preceduto i lavori gratuiti effettuati sulla strada: “A chi ha firmato la denuncia voglio ricordare che lo scorso 3 aprile abbiamo fatto avere via PEC al Sindaco della Città metropolitana una ordinanza sindacale con la quale si disponevano provvedimenti di massima urgenza sulla strada. Nell’ordinanza si diceva che avevamo ricevuto disponibilità da sei ditte locali ad eseguire i lavori senza alcuno aggravio per il Comune”. 

“In questa ordinanza si spiegava la situazione della strada che è l’unica via dei proprietari terrieri per raggiungere le proprie abitazioni rurali – aggiunge il primo cittadino -. Sempre nell’ordinanza è scritto che su questa strada non si può transitare perché pericolosa per i proprietari terrieri in quanto in caso di necessità i mezzi di soccorso non possono garantire un tempestivo arrivo”.

Il sindaco Lo Verde è preciso: “A chi ha firmato la denuncia voglio ricordare che dal 3 aprile al 23 aprile, quando sono stati effettuati gratuitamente i lavori sulla strada, sono trascorsi venti giorni senza che nessuno rispondesse all’ordinanza recapitata”.

Per il primo cittadino di Polizzi la situazione è chiara: “Ritengo la denuncia un atto contro la mia persona. È un atto contro il sindaco di Polizzi Generosa che in questi mesi ha alzato la voce contro chi avrebbe dovuto riparare la strada e da anni non ha fatto niente. Vogliono zittirmi. Vogliono mettermi paura. Il sindaco di Polizzi non farà silenzio. Il sindaco di Polizzi non ha paura. Ho voluto subito far conoscere quello che succede a Polizzi e per questo informo tutti con questo comunicato stampa. La strada va riparata e subito. Se qualcuno in questi anni non l’ha fatto, oggi non può per nessun motivo nascondersi dietro una denuncia contro anonimi”.

 

LEGGI ANCHE:

Polizzi Generosa, sindaco e operai insieme per riparare la strada

Strada chiusa da tredici anni, il sindaco di Polizzi: “M’incatenerò ogni giorno per un’ora”

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.