Piano Battaglia, telenovela infinita. Gare deserte, predisposto un nuovo bando :ilSicilia.it
Palermo

un centinaio di ditte invitate

Piano Battaglia, telenovela infinita. Gare deserte, predisposto un nuovo bando

di
3 Gennaio 2020

La città metropolitana di Palermo ci riprova.

Dopo le gare andate deserte per l’affidamento della pista sciistica di Piano Battaglia, l’ente programma l’ennesimo bando. Nel frattempo che la burocrazia continua a dettare i tempi della stagione, nell’eventualità che la neve si sciolga, gli operatori turistici, gli amanti della montagna e le imprese locali dei paesi limitrofi vengono penalizzati dall’impianto ancora fermo.

Mezzo metro di neve che non viene sfruttata turisticamente a causa di un bando disertato e delle strade provinciali per arrivare alla meta montana delle quali una è inaccessibile e un’altra non gode di ottima salute.

Ad oggi di sciare alla Mufara nemmeno l’ombra. Il 30 dicembre sono andate deserte sia la gara per affidare la manutenzione e la gestione delle piste di discesa sia quella per il servizio di spazzaneve di Piano Battaglia, per una cifra complessiva di 400.000 euro.

Cosa fare quindi? E’ stata la domanda posta durante una riunione operativa in cui erano presenti: Marianna Mirto, capo di gabinetto della Città Metropolitana e direttore della Protezione Civile, Salvatore Pampalone direttore della direzione della Viabilità, Claudio Delfino direttore della direzione impianti, ed altri personaggi istituzionali.

La soluzione è stata trovata attraverso l’ennesimo bando di gara, questa volta aperto anche a tutte le ditte iscritte al Mepa (mercato elettronico della pubblica amministrazione) e ricadenti nella provincia di Palermo. Un centinaio sono le ditte risultanti iscritte.

Un ultimo tentativo,  anche perché nel caso di un altro flop si avvierà una  trattativa privata per provare a far partire gli impianti di Piano Battaglia. Nel frattempo, la Regione Siciliana si sta impegnando a risolvere il problema annoso delle strade provinciali.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin