Piano dell'aria, l'assessore Cordaro incontra petrolieri e cementerie :ilSicilia.it

OBIETTIVO: RIDURRE LE EMISSIONI

Piano dell’aria, l’assessore Cordaro incontra petrolieri e cementerie

di
10 Luglio 2020

Uno studio di fattibilità che dimostri la volontà concreta – attraverso la rappresentazione di costi e tempi – di adeguare gli impianti industriali per attuare la riduzione delle emissioni inquinanti, così come previsto dal Piano di tutela della qualità dell’aria della Regione Siciliana.

E’ questo quanto richiesto dall’assessore all’Ambiente Toto Cordaro, al termine della riunione tenutasi a Palazzo Orleans con Sicindustria, Italcementi, Isab, Raffineria di Milazzo, Versalis, Sonatrach, Colacem e Buzzi Unicem.

Ho voluto incontrare personalmente i rappresentanti dei petrolieri, delle cementerie e dell’associazione degli industriali – sottolinea Cordaro – per comprendere meglio quali siano le difficoltà tecnico-economiche a rispettare il provvedimento del governo Musumeci. E verificare ogni sforzo che conduca le emissioni ai limiti compatibili con il Piano della Regione. Restiamo in attesa di questi documenti per valutare come procedere“.

Ma proprio sul tema dell’attuazione delle misure di riduzione delle emissioni dai grandi impianti industriali nell’Isola, lo scorso 11 giugno l’assessore ha scritto una nota al ministro dell’Ambiente Sergio Costa, al capo del dipartimento per la Transizione ecologica e gli investimenti verdi Mariano Grillo e al direttore generale per la Crescita sostenibile e la qualità dello sviluppo Oliviero Montanaro.

Negli incontri fin qui svolti – scriveva Cordaro – se per un verso le imprese hanno manifestato generica difficoltà di ordine economico, d’altro canto non hanno presentato alcuno studio che potesse dimostrare la non sostenibilità dell’applicazione della misura M2 in rapporto ai costi/benefici conseguenti“.

Una difficoltà che sarebbe stata manifestata, da alcune aziende petrolchimiche, anche al Tavolo del ministero dell’Ambiente, durante l’istruttoria per il procedimento di riesame dell’Autorizzazione integrata ambientale di competenza statale per l’adeguamento al Piano regionale di tutela della qualità dell’aria della Sicilia. Da qui la richiesta di Cordaro a Roma per sapere se nel corso delle riunioni «siano emersi elementi di valutazione tecnico-economica o socio-economica, non noti a questa amministrazione, che potrebbero avere possibili refluenze sull’attuazione delle misure di Piano per la riduzione delle emissioni industriali».

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.