Piano regolatore Palermo, Lo Cascio (Pd): "L'Aula è chiamata a rispondere nell'interesse pubblico" | Videointervista :ilSicilia.it

Aperta la discussione a Sala delle Lapidi

Piano regolatore Palermo, Lo Cascio (Pd): “L’Aula è chiamata a rispondere nell’interesse pubblico” | Videointervista

di
7 Novembre 2019

 

Guarda in alto la video intervista

Si discute a Sala delle Lapidi dei programmi costruttivi, in totale 6, di cui uno è “variante urbanistica” e tra i consiglieri c’è chi vorrebbe bocciare parte di questi atti, ne abbiamo parlato con Giovanni Lo Cascio, presidente della commissione consiliare Urbanistica: “L’Amministrazione nel 2013 ha voluto lanciare una manifestazione di interesse a cui hanno risposto circa 16 cooperative e ne sono rimaste sei, di queste, durante l’iter amministrativo si è passato al recepimento dal dpr 380 all’articolo 14 con la legge regionale del 2016. Quindi, in riferimento all’articolo 14 l’Aula è chiamata a rispondere soltanto dell’interesse pubblico di ogni atto deliberativo“.

Una delle sei proposte e in particolare l’ex cotonificio di viale Aiace, prevede fra i requisiti fondamentali dell’Avviso,  la titolarità dell’area, per questo chiederò all’Aula di votare per il ritiro dell’atto, in quanto manca uno dei pilastri fondamentali per procedere“, aggiunge Lo Cascio.

Chi boccia un atto – spiega il presidente della commissione consiliare Urbanistica – deve essere consapevole del proprio voto, per questo farò presente al presidente del consiglio la necessità di analizzare qual è l’interesse pubblico. Se l’atto viene votato c’è una conferenza di servizi all’assessorato territorio e ambiente. L’iter non finisce con l’atto votato in consiglio comunale ma esiste una procedura amministrativa dove gli Uffici sono chiamati a invitare i proponenti a eliminare le criticità. La mia idea è di affrontare l’atto deliberativo nell’interesse della città“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.