Piano regolatore Palermo, Lo Cascio (Pd): "L'Aula è chiamata a rispondere nell'interesse pubblico" | Videointervista :ilSicilia.it

Aperta la discussione a Sala delle Lapidi

Piano regolatore Palermo, Lo Cascio (Pd): “L’Aula è chiamata a rispondere nell’interesse pubblico” | Videointervista

7 Novembre 2019

 

Guarda in alto la video intervista

Si discute a Sala delle Lapidi dei programmi costruttivi, in totale 6, di cui uno è “variante urbanistica” e tra i consiglieri c’è chi vorrebbe bocciare parte di questi atti, ne abbiamo parlato con Giovanni Lo Cascio, presidente della commissione consiliare Urbanistica: “L’Amministrazione nel 2013 ha voluto lanciare una manifestazione di interesse a cui hanno risposto circa 16 cooperative e ne sono rimaste sei, di queste, durante l’iter amministrativo si è passato al recepimento dal dpr 380 all’articolo 14 con la legge regionale del 2016. Quindi, in riferimento all’articolo 14 l’Aula è chiamata a rispondere soltanto dell’interesse pubblico di ogni atto deliberativo“.

Una delle sei proposte e in particolare l’ex cotonificio di viale Aiace, prevede fra i requisiti fondamentali dell’Avviso,  la titolarità dell’area, per questo chiederò all’Aula di votare per il ritiro dell’atto, in quanto manca uno dei pilastri fondamentali per procedere“, aggiunge Lo Cascio.

Chi boccia un atto – spiega il presidente della commissione consiliare Urbanistica – deve essere consapevole del proprio voto, per questo farò presente al presidente del consiglio la necessità di analizzare qual è l’interesse pubblico. Se l’atto viene votato c’è una conferenza di servizi all’assessorato territorio e ambiente. L’iter non finisce con l’atto votato in consiglio comunale ma esiste una procedura amministrativa dove gli Uffici sono chiamati a invitare i proponenti a eliminare le criticità. La mia idea è di affrontare l’atto deliberativo nell’interesse della città“.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.