Picchia i medici, bloccato dalla polizia, torna nello stesso ospedale il giorno dopo: la beffa a Catania :ilSicilia.it
Catania

paradossi

Picchia i medici, bloccato dalla polizia, torna nello stesso ospedale il giorno dopo: la beffa a Catania

di
5 Ottobre 2019

Il danno e la beffa. All’ospedale Garibaldi Nesima di Catania accade l’inimmaginabile: l’uomo di 42 anni che giovedì aveva aggredito e picchiato i medici dell’ambulatorio di Otorinolaringoiatria il giorno dopo, nonostante la denuncia della polizia, è tornato nello stesso ospedale. Questa volta per farsi visitare, munito di apposita ricetta.

Il fatto curioso – riportato dal quotidiano La Sicilia, in edicola oggi – è stato reso noto dall’ufficio comunicazioni del Garibaldi. L’uomo avrebbe picchiato i due sanitari il giorno prima poiché pretendeva di essere visitato con una ricetta di pronto soccorso scaduta da 4 giorni. Al rifiuto dei medici l’uomo li ha picchiati, causando lesioni gravi.

Il primo medico ha la rotula fratturata e una prognosi di 30 giorni; l’altro ha riportato la distorsione della spalla destra con compromissione dei tendini della fascia rotatoria (oltre a contusioni varie) e ne avrà per una ventina di giorni.

Ieri il ritorno in ospedale dell’aggressore, come se nulla fosse accaduto. Forse una dimostrazione di arroganza o un gesto di sfida. Il direttore del nosocomio ha detto che l’azienda sanitaria si costituirà parte civile nel processo contro questo aggressore.

Duro il monito dei sindacati che temono questa escalation di violenza nei confronti di medici e infermieri: «Non possiamo aspettare di piangere il morto. Serve prevenzione e giustizia».

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin