Picchia la fidanzata in strada, una donna vede la scena e lo denuncia alla polizia | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Attraverso il numero di targa dello scooter del giovane

Picchia la fidanzata in strada, una donna vede la scena e lo denuncia alla polizia

20 Marzo 2018

Ha visto un ragazzo che picchiava la sua fidanzata nella centrale via Garibaldi, a Palermo, e una donna che ha assistito alla scena ha urlato.

Dopo gli schiaffi, il giovane ha ordinato alla ragazza di salire sullo scooter e si è diretto verso la testimone, intimandole di farsi i fatti propri, altrimenti avrebbe usato nei suoi confronti lo stesso trattamento riservato alla fidanzata.

La donna però ha chiamato la polizia, fornendo agli agenti anche il numero di targa dello scooter.

“Tutto questo è successo davanti a due uomini che hanno fatto finta di nulla – racconta la donna – Hanno assistito alla scena e non hanno mosso un dito. Ho detto loro che dovevano vergognarsi e che erano peggiori del ragazzo violento”.

Grazie al numero di targa la polizia è riuscita a risalire al fidanzato violento.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.