"Picchiarono un gruppo di bengalesi", undici arrestati a Palermo | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

operazione della polizia

“Picchiarono un gruppo di bengalesi”, undici arrestati a Palermo

21 Febbraio 2020

Arrestate a Palermo dalla Polizia di Stato undici persone che sarebbero responsabili di un raid punitivo a danno di alcuni cittadini bengalesi. Gli agenti hanno eseguito la misura cautelare degli arresti domiciliari con l’accusa di rapina e lesioni.

Le indagini della Squadra Mobile hanno fatto luce su un episodio avvenuto pochi mesi fa, quando una banda di giovani, armati di mazze da baseball, fece irruzione in un market etnico e aggredì il titolare e alcuni suoi connazionali del Bangladesh. Le vittime furono picchiate con calci e pugni e una di loro, trascinata nel retrobottega del negozio, fu anche rapinata dell’anello che portava al dito.

Le indagini hanno accertato che la spedizione punitiva sarebbe scattata contro un cittadino bengalese, colto per strada in un atteggiamento ritenuto “inopportuno” e che per questo motivo era stato pesantemente redarguito. L’uomo fu aggredito con calci e pugni, conditi da espressioni ed epiteti razziali.

La violenza si estese poi anche al gestore e agli avventori del market, anche loro bengalesi, dove la vittima aveva cercato rifugio.

I NOMI DEGLI ARRESTATI:

LA VERSA Ivan, classe 1976
ORLANDO Gabriele, classe 1992
TERZO Gioacchino, classe 1995
FILIPPONE Alessio, classe 1990
GAITA Francesco, classe 1996
GULLI Vincenzo, classe 2001
LO VERDE Carmelo, classe 1996
FORTUNATO Marco, classe 1989
LO DICO Giovanni, classe 1997
MESSINA Antonino, classe 2000
MARCHESE Antonino, classe 1985

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona