Picco influenza. Ospedale Civico: "Prima consultate medico di base" [Videointervista] :ilSicilia.it
Palermo

Il tipo di virus che si è diffuso, dicono i medici, non era atteso

Picco influenza. Ospedale Civico: “Prima consultate medico di base” [Videointervista]

di
20 Gennaio 2018

GUARDA LA VIDEO INTERVISTA IN ALTO

Sono quasi 4 milioni le persone finite a letto con l’influenza, non accadeva da 14 anni. La “buona notizia” è che molto probabilmente ha raggiunto il picco: dall’8 al 14 gennaio 2018, infatti, il numero è stabile rispetto alla prima settimana di gennaio.

Per fare il punto della situazione abbiamo intervistato il direttore pronto soccorso dell’ospedale Civico di Palermo, Agostino Geraci, e il dirigente medico del reparto malattie infettive, Chiara Iaria.

“Quella di quest’anno è in termini di diffusione la più grave epidemia di influenza stagionale in Italia dal 2004 – conferma la dottoressa Iaria – sono circa 3 milioni e 800 gli italiani colpiti dal virus dell’influenza. Questo perché il tipo di virus che si è diffuso non era atteso, è il ceppo di tipo B, e non è presente nel vaccino che è disponibile. Colpisce di più i bambini al di sotto dei 5 anni – spiega – è importante proporre il vaccino ai soggetti anziani o a rischio per altre patologie. Il periodo adatto ad effettuare la vaccinazione è fine ottobre ma si è ancora in tempo. L’influenza si presenta con febbre alta, dolori articolari e problemi respiratori, è importante non allarmarsi, rivolgersi al proprio medico curante e non recarsi subito al pronto soccorso”. 

“Nelle ultime settimane  – riferisce Geraci – c’è stato un incremento di accessi al pronto soccorso per patologie riconducibili all’influenza, ma non è tanto questo accesso a creare il problema di sovraffollamento quanto il problema che le complicanze determinano, soprattutto su pazienti predisposti o affetti da diverse patologie che arrivano con bronchiti o polmoniti che determinano la necessità di ricoverare il paziente.  L’accesso al pronto soccorso deve essere filtrato dai medici di base – aggiunge – c’è un problema culturale che induce a drammatizzare la comparsa dei primi sintomi o della febbre”.

“In Sicilia solo il 4 per cento dei pazienti che arrivano al pronto soccorso è stato formalmente inviato dal medico di base, il resto fa un utilizzo del pronto soccorso non appropriato. Registriamo circa 250 accessi al giorno – conclude – in un momento in cui il pronto soccorso è in corso di ristrutturazione, a breve avremo un pronto soccorso logisticamente preparato ad affrontare tutte le emergenze. Per ora stiamo cercando di ovviare con la massima collaborazione dell’azienda tutta e delle unità operative, che stanno rispondendo bene alla nostra richiesta di aiuto”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin