Pierobon, l'assessore arrivato da lontano ma in Sicilia non pervenuto :ilSicilia.it

L'analisi

Pierobon, l’assessore arrivato da lontano ma in Sicilia non pervenuto

di
28 Ottobre 2020

I siciliani semu amanti di stranii”. Sì, il provincialismo è uno dei mali che ci affligge di più: siamo convinti che chiunque provenga al di là dello Stretto sia migliore di noi, incensiamo (sic!) gli estranei piuttosto che valorizzare le nostre potenzialità. Però, ciò non può giustificare la presenza nella giunta guidata da Nello Musumeci, dell’assessore all’Energia e Rifiuti, Alberto Pierobon. Certo, non era facile trovare un siciliano pronto ad assumersi cotanta responsabilità, dopo la fuga dal suddetto assessorato di Vincenzo Figuccia.

Fu il segretario nazionale dell’Udc, Lorenzo Cesa, a fare il nome di Pierobon che è arrivato in Sicilia preceduto dalla fama di tecnico di prima grandezza. E’ dal mese di febbraio del 2018 che l’uomo venuto da lontano è alla guida dell’assessorato e, purtroppo, la Sicilia continua ad essere sommersa dai rifiuti. Il disegno di legge che dovrebbe riformare, cambiare radicalmente, l’attuale sistema di raccolta e smaltimento dei rifiuti, va e viene dalla commissione Ambiente dell’Ars. Per esempio, non si capisce se i tanto contestati termovalorizzatori saranno inseriti nel Piano regionale dei rifiuti. Finora non c’è stato alcun miglioramento di un servizio che continua ad essere sospettato di fare gola a mafiosi, speculatori e faccendieri, come il faccendiere Arata che voleva realizzare un impianto per l’estrazione del gas dai rifiuti, a Calatafimi, in società con Vito Nicastri. Quest’ultimo, considerato prestanome di Matteo Messina Denaro, ha deciso di collaborare con i magistrati, inguaiando alcuni funzionari dell’assessorato guidato da Pierobon.

Non so e neanche mi interessa sapere se l’assessore sia indagato o meno. Di mariuoli ne ho già conosciuti parecchi. Quel che mi rode è che abbiamo un assessore che non è riuscito a cambiare una virgola e che rimane al suo posto. Per la verità, Pierobon non è il primo assessore “stranio” che la Sicilia sperimenta. Prima di lui, ci sono stati Luca Bianchi e Alessandro Baccei, anch’essi imposti dall’alto. Nulla di personale nei confronti di Alberto Pierobon, un signore dai modi gentili, magari anche un grande esperto di rifiuti, ma la sua presenza in Sicilia è stata fallimentare.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin