Pif a Palermo per la presentazione del suo primo romanzo, tra amore e fede :ilSicilia.it
Palermo

al cinema Rouge et Noir

Pif a Palermo per la presentazione del suo primo romanzo, tra amore e fede

25 Novembre 2018
La dedica di PIF alla redazione de ilSicilia.it

SFOGLIA LE FOTO IN ALTO

Questa mattina un caloroso pubblico ha animato la sala del cinema Rouge et Noir di Palermo per incontrare Pierfranceso Diliberto, in arte Pif. Il popolare attore, conduttore e narratore siciliano, oggi visibilmente un po’ sottotono, è infatti tornato nel capoluogo per presentare “…Che Dio perdona a tutti”, il suo primo romanzo.

“Un capolavoro letterario – ha ironicamente spiegato lui stesso – che nasce inizialmente come soggetto di un film, e che è stato poi messo da parte, fino a quando la Feltrinelli non mi ha contattato e proposto di scrivere un libro. Lì mi son detto ‘Ci voglio provare!'”. 

Edito da dall’omonima casa editrice e in libreria dal 15 novembre, si tratta di un’opera attuale, che con inconfondibile umorismo racconta l’amore (compreso quello per la Iris con ricotta), la fede e Palermo, città natale dell’autore. Quest’ultimo attraverso i suoi protagonisti invita a una presa di coscienza nei confronti della società, e si interroga sul senso più intimo e sincero del credere in qualcosa o in qualcuno.

“Mi sono stancato di essere cristiano in automatico. Quanto siamo cristiani realmente? Non so se Dio esiste, ma Dino Zoff sì. A lui ho dedicato il libro”. Ha infine esclamato Diliberto, aggiungendo con sorriso: “Compratelo, non leggetelo”.

Tante le persone presenti in sala; tra divertenti aneddoti, sana leggerezza e spunti di riflessione, a discutere del libro con Pif il giornalista Emanuele Lauria. “…Che Dio perdona a tutti” farà infine tappa anche a Catania, e a seguire in altre città italiane.

 

LEGGI ANCHE:

“…Che Dio perdona a tutti”: Pif torna a Palermo per presentare il suo romanzo

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona