Pino Apprendi sul carcere "Pietro Cerullo": "Isolamento invivibile, chiederemo ispezione all'Asp" :ilSicilia.it
Trapani

LE DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE DI ANTIGONE

Pino Apprendi sul carcere “Pietro Cerullo”: “Isolamento invivibile, chiederemo ispezione all’Asp”

di
7 Dicembre 2019

Pino Apprendi, presidente dell’associazione Antigone, interviene sulle opere di ristrutturazione alla Casa Circondariale Pietro Cerullo di Trapani, insufficienti secondo il suo punto di vista.

Ho visitato la Casa Circondariale di Trapani, Pietro Cerulli, accompagnato dal Commissario Cocuzza, l’ispettore Savalli e l’educatore​ Vanella.
Le condizioni generali della struttura si sviluppano a “macchia di leopardo””, sottolinea Apprendi.

Ci sono reparti totalmente ristrutturati, dove il detenuto conduce una vita in ambienti salubri e nel rispetto anche della privacy con docce e servizi nelle celle. Al contempo ci sono reparti​ degradati, con docce esterne alle celle, in particolare nella struttura più vecchia dove le celle si affacciano su dei corridoi grandi​ e su uno spazio centrale dove regna un vociare continuo“, attacca il presidente di Antigone.

Un capitolo a parte​ va dedicato all’isolamento​ punitivo, dove le celle sono assolutamente invivibili dal punto di vista igienico sanitario, pareti sporche e il gabinetto alla turca è​ collocato nello stesso spazio senza pareti, dove vive, si fa per dire, il detenuto. Su questo punto chiederemo una ispezione​ all’Asp di Trapani“.

Pur essendoci 130 stranieri su 521 persone, manca il mediatore culturale. Ben 69 sono i casi di autolesionismo nel 2018 , oltre il 13%. Non esiste un’area verde dedicata ai bambini. Come tutte le carceri, risente dell’organico sottodimensionato della Polizia Penitenziaria, che ha una età​ media molto alta, e​ deve coprire tutti i servizi amministrativi, il servizio scorte e la squadra che si dedica a fare lavori in economia“, chiosa Pino Apprendi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.