Un tesoro per le autostrade siciliane, ma adesso arrivano i pedaggi | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Caltanissetta

Nasce newco tra Regione e Anas, dall'Accordo arrivano 1,4 miliardi di euro

Un tesoro per le autostrade siciliane, ma adesso arrivano i pedaggi

di
16 Novembre 2016

Una pioggia di euro per le strade siciliane ma arrivano i pedaggi. In perfetta sincronia con la presenza del premier Renzi in Sicilia arriva la firma di un accordo preliminare per l’integrazione tra Anas Cas (il Consorzio autostrade siciliane) da cui discende lo sblocco di investimenti per un valore complessivo di 1,4 miliardi di euro. Alla firma dell’accordo ha presenziato il Ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, mentre il documento è stato firmato dal presidente di Anas Gianni Vittorio Armani e dall’assessore regionale alle Infrastrutture e alla Mobilita’ Giovanni Pistorio. Cosa dice quel documento? Si tratta di un cronoprogramma che deve portare a realizzare “un progetto integrato tra Cas e Anas con conferimento di autostrade e predisposizione di un nuovo Piano Economico Finanziario che stabilisca una tariffazione uniforme per il pedaggiamento della rete autostradale siciliana”. Si dovrà quindi costituire  una societa’ partecipata da Anas e dalla Regione Siciliana per assicurare il completamento della rete autostradale siciliana, il suo esercizio in regime concessorio con riscossione del pedaggio, i cui proventi saranno destinati alla copertura dei costi di esercizio della rete. All’Anas toccherà la guida industriale mentre Mamma Regione coordinerà  l’indirizzo strategico degli investimenti. Nel “portafoglio” dei prodotti rientrano le concessioni per le tratte A20 Messina-Palermo, A18 Messina-Catania, A18 Siracusa – Gela, A19 Palermo – Catania, A29 Palermo – Mazara del Vallo, A29 dir Alcamo – Trapani, SS 339 Catania – Siracusa, RA 15 Tangenziale di Catania. La newco avra’ sede in Sicilia e svolgera’ le attivita’ di progettazione, costruzione e gestione, comprese quelle di manutenzione ordinaria e straordinaria, della rete autostradale oggetto di concessione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin