"Pioggia di miliardi per la Sicilia". Delrio a Palermo tra promesse e investimenti :ilSicilia.it
Palermo

Il ministro fa il punto sulle ferrovie siciliane

“Pioggia di miliardi per la Sicilia”. Delrio a Palermo tra promesse e investimenti

di
16 Ottobre 2017

Vogliamo fare vedere ai cittadini siciliani che lo Stato c’è e che sta investendo su questo territorio. Dopo tanti decenni di non investimenti ci sono più di 5 miliardi disponibili per potenziare il trasporto regionale“.

Lo ha detto il ministro per le Infrastrutture Graziano Delrio a Palermo per l’inaugurazione del nuovo tracciato ferroviario Campofelice di Roccella-Ogliastrillo.

Facciamo un pezzo di potenziamento della Palermo-Messina, che è una delle direttrici, della Catania Messina a della Catania Palermo. Stiamo lavorando con grande intensità – ha aggiunto – C’è una cura del ferro per la Sicilia programmata con Rfi, con la Regione, che prevede investimenti massicci e che porterà prestissimo alla conclusione di alcuni lavori: alla fine dell’anno ripristiniamo il collegamento con l’aeroporto di Punta Raisi, la Palermo- Agrigento viene velocizzata abbiamo completato la velocizzazione fino ad Augusta e pubblicato il bando per l’alta velocità tra Bicocca e Catena- Nuova. Sono cantieri, sono opportunità ai quali si aggiungerà nei prossimi giorni la chiusura del contratto di servizio“.

Non basta fare doppi binari – ha detto – serve fare viaggiare i treni un po’ più spesso e avere un potenziamento dei servizi per i pendolari siciliani“.

LEGGI ANCHE l’articolo Politica e interessi. Si ricordano dei siciliani solo per le elezioni

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.