Pistorino (Flc Cgil): "Neanche una parola da Musumeci su scuola, università e ricerca" :ilSicilia.it

Su questi temi il sindacato chiede un confronto costruttivo

Pistorino (Flc Cgil): “Neanche una parola da Musumeci su scuola, università e ricerca”

10 Gennaio 2018

“Siamo molto amareggiati per la mancanza nel discorso programmatico fatto ieri dal presidente Musumeci all’Ars di un programma organico su scuola, università e ricerca. Addirittura neanche una parola è stata dedicata dal governatore a questi tre temi che riteniamo fondamentali per la crescita della Sicilia e dei siciliani”. Lo dice la segretaria della Flc Cgil Sicilia Graziamaria Pistorino.

“È singolare che, in un periodo nel quale la cronaca locale ci racconta quotidianamente di scuole che cadono a pezzi – aggiunge – il presidente della Regione Siciliana non trovi lo spazio per affrontare il problema e per dire all’Assemblea e ai cittadini cosa ha intenzione di fare. Se, ad esempio, intende avviare un grande piano per la sicurezza e la riqualificazione degli edifici scolastici”.

“Non è possibile che la formazione professionale – continua Pistorino –  vissuta quasi come riserva per una istruzione di secondo livello, sia il principale obiettivo di riduzione per il governatore. Gli studenti e le famiglie siciliane hanno bisogno di una legge che garantisca il diritto allo studio sia nella filiera dell’istruzione, che in quella della formazione, ma soprattutto è indispensabile aumentare il tempo scuola e il tempo pieno, eliminando così il divario con le altre Regioni d’Italia. Gli alunni siciliani, infatti, passano molte meno ore a scuola rispetto ai loro coetanei della Penisola. Così come è indispensabile un piano per finanziare la ricerca e fermare l’emorragia dei nostri cervelli”.

“Sono queste – conclude – solo alcune delle questioni che sottoponiamo all’attenzione del presidente. Ci auguriamo che possa accoglierle e su queste avviare un dialogo costruttivo con tutti i soggetti coinvolti”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.