'Pittamuri', murales e street art invadono il porto di Termini Imerese :ilSicilia.it

L'iniziativa il 4 e il 5 maggio

‘Pittamuri’, murales e street art invadono il porto di Termini Imerese

di
31 Marzo 2019

I prossimi 4 e 5 Maggio a Termini Imerese, al porto, con il patrocinio gratuito del Comune, saranno protagonisti i murales e la street art: i temi saranno il mare e il Plastic free, quindi inquinamento nel  mare di plastica e altro. I ‘pittamuri’, sono Giuseppe Purpi, Rosalba Cannavò ed  Emanuele Zammito.

I Pittamuri è un coordinamento di artisti termitani, associazioni e cooperative, aperto ai cittadini che vorranno partecipare. Ne fanno parte, oltre al gruppo omonimo, Artisti termitani uniti, l’Associazione L’Arca, la cooperativa sociale Novi Familia, Tocca a tia, Gruppo di animazione Jobel e il liceo artistico Gregorio Ugdulena di Termini Imerese.

I Pittamuri – si legge nella nota del collettivo – si occuperanno di regalare bellezza al grigiore della nostra amata Termini Imerese, con l’obiettivo di utilizzare la street art come mezzo per ‘riappropriarsi’ della città, rendendola più bella ed educando nel contempo alla legalità e alla cura dei beni comuni, attraverso la proposta di momenti di partecipazione comunitaria e la programmazione di iniziative specifiche, per mezzo delle forme artistiche dei murales. I cittadini e gli enti tutti che vorranno partecipare si occuperanno di identificare i luoghi ed i temi riguardanti l’ambiente, la legalità e la sensibilizzazione degli spazi urbani al fine di valorizzare ‘pezzi’ di città”.

Verranno individuati muri potenzialmente adatti ad essere sottoposti ad interventi di cura, pulizia e abbellimento, dove poter favorire la legalità, sviluppare la street art e trasmettere al passante il senso ed il significato della bellezza storica e culturale della nostra amata Termini Imerese

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin