Più soldi in busta paga per i dipendenti regionali, lo dispone la finanziaria :ilSicilia.it

La legge di stabilità all'Ars

Più soldi in busta paga per i dipendenti regionali, lo dispone la finanziaria

13 Febbraio 2019

La Finanziaria potrebbe portare in regalo ai dipendenti regionali quello che di fatto è un aumento dello stipendio. Cade, infatti, il limite del Famp, il Fondo di amministrazione per il miglioramento delle prestazioni.

La disciplina precedente, prevista dalla Legge di Stabilità del 2015, stabiliva che “a decorrere dall’1 gennaio 2016 e sino al 31 dicembre 2020, l’ammontare complessivo delle risorse destinate annualmente al trattamento accessorio del personale, incluse le retribuzioni di posizione e di risultato del personale dirigenziale”, non potesse “superare il corrispondente importo dell’anno 2014” ed è comunque automaticamente ridotto in misura proporzionale alla riduzione del personale comunque cessato dal servizio.

Con l’approvazione dell’articolo 35 del testo di legge all’esame dell’Assemblea Regionale Siciliana, la decadenza del limite viene anticipata al 31 dicembre 2018.

Ma non si tratta dell’unica delle norme che hanno avuto il via libera da Sala d’Ercole. Passa anche la nuova composizione degli enti regionali per il diritto allo studio, gli Ersu. Adesso, oltre al presidente, nominato dalla Giunta regionale su proposta dell’Assessore per l’istruzione e la formazione professionale, sarà composto da uno tra professori e ricercatori e tre studenti. Bocciato un emendamento governo che prevedeva una composizione paritetica.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.