15 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.58

Incontro nella sede palermitana del Carroccio

“Più spazio ai territori”, ecco gli aspiranti sindaci leghisti in Sicilia | video interviste

17 Aprile 2019

Guarda le video interviste

I candidati della Lega alla carica di sindaco nei comuni siciliani si sono dati appuntamento nella sede del Carroccio  a Palermo per presentare la sfida alle amministrative e sostenere tre degli aspiranti parlamentari europei che correranno nel collegio insulare: Igor Gelarda, palermitano, responsabile regionale enti locali della Lega e capogruppo in Consiglio comunale a Palermo, Maria Concetta Hopps, di Mazara del Vallo e Annalisa Tardino, di Licata. Presenti i candidati alla carica di primo cittadino di Mazara del Vallo, Giorgio Randazzo, di Monreale, Giuseppe Romanotto, e Gino Di Stefano, candidato di tutto il centrodestra sostenuto dalla Lega alle elezioni di Bagheria.

Stiamo lavorando per costruire un ponte ideale tra la Sicilia e Bruxelles – ha affermato Igor Gelardada percorrere con rappresentanti forti che, soprattutto, si siano spesi concretamente sui territori. Lo spirito della Lega è anche e soprattutto l’essere fedeli alle rispettive comunità nell’esclusivo interesse dei cittadini. Lo faremo sia nei Comuni siciliani che al parlamento europeo – conclude Gelarda – per costruire il nostro futuro da siciliani liberi indipendenti”.

Fare gioco di squadra e lavorare in sinergia – sono le parole d’ordine di Giuseppe Romanotto, sentirsi partecipi di un’unica famiglia. Serve spirito di collaborazione. Un sindaco può lavorare solo con approcci sinergici con le istituzioni politiche regionali, nazionali e sovranazionali, per questo faccio un grosso in bocca al lupo ai nostri candidati alle Europee. Impossibile che un sindaco amministri da solo. I fondi europei sono una risorsa alla quale non si può rinunciare, i sindaci devono assumersi l’impegno a presentare i progetti. I comuni non può permettersi di perdere un euro e Monreale, in passato, ne ha persi tanti“.

Siamo orgogliosi del lavoro fatto – ha affermato Giorgio Randazzo – La Lega in Sicilia, con molte difficoltà, ha creato struttura partitica con uomini e donne di grande qualità. Ogni territorio ha potuto esprimere piena espressione con i propri candidati anche alle Europee. A Mazara Abbiamo fatto un nuovo centrodestra, con liste civiche a supporto. Tutte le liste concorrono a pieno per il futuro della città“.

Ho visto negli uomini della Lega persone che hanno a cuore i territori e la politica – ha affermato il candidato sindaco a Bagheria Gino Di StefanoLa Lega è stata da traino nel nostro comune. Gli uomini del Carroccio hanno portato avanti il civismo negli incontri di coalizione. Per fare ciò è stato determinante Igor Gelarda, con il quale abbiamo trovato subito l’intesa. I miei elettori mi dicono che voteranno lega alle Europee“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.