"Più spazio ai territori", ecco gli aspiranti sindaci leghisti in Sicilia | video interviste :ilSicilia.it

Incontro nella sede palermitana del Carroccio

“Più spazio ai territori”, ecco gli aspiranti sindaci leghisti in Sicilia | video interviste

di
17 Aprile 2019

Guarda le video interviste

I candidati della Lega alla carica di sindaco nei comuni siciliani si sono dati appuntamento nella sede del Carroccio  a Palermo per presentare la sfida alle amministrative e sostenere tre degli aspiranti parlamentari europei che correranno nel collegio insulare: Igor Gelarda, palermitano, responsabile regionale enti locali della Lega e capogruppo in Consiglio comunale a Palermo, Maria Concetta Hopps, di Mazara del Vallo e Annalisa Tardino, di Licata. Presenti i candidati alla carica di primo cittadino di Mazara del Vallo, Giorgio Randazzo, di Monreale, Giuseppe Romanotto, e Gino Di Stefano, candidato di tutto il centrodestra sostenuto dalla Lega alle elezioni di Bagheria.

Stiamo lavorando per costruire un ponte ideale tra la Sicilia e Bruxelles – ha affermato Igor Gelardada percorrere con rappresentanti forti che, soprattutto, si siano spesi concretamente sui territori. Lo spirito della Lega è anche e soprattutto l’essere fedeli alle rispettive comunità nell’esclusivo interesse dei cittadini. Lo faremo sia nei Comuni siciliani che al parlamento europeo – conclude Gelarda – per costruire il nostro futuro da siciliani liberi indipendenti”.

Fare gioco di squadra e lavorare in sinergia – sono le parole d’ordine di Giuseppe Romanotto, sentirsi partecipi di un’unica famiglia. Serve spirito di collaborazione. Un sindaco può lavorare solo con approcci sinergici con le istituzioni politiche regionali, nazionali e sovranazionali, per questo faccio un grosso in bocca al lupo ai nostri candidati alle Europee. Impossibile che un sindaco amministri da solo. I fondi europei sono una risorsa alla quale non si può rinunciare, i sindaci devono assumersi l’impegno a presentare i progetti. I comuni non può permettersi di perdere un euro e Monreale, in passato, ne ha persi tanti“.

Siamo orgogliosi del lavoro fatto – ha affermato Giorgio Randazzo – La Lega in Sicilia, con molte difficoltà, ha creato struttura partitica con uomini e donne di grande qualità. Ogni territorio ha potuto esprimere piena espressione con i propri candidati anche alle Europee. A Mazara Abbiamo fatto un nuovo centrodestra, con liste civiche a supporto. Tutte le liste concorrono a pieno per il futuro della città“.

Ho visto negli uomini della Lega persone che hanno a cuore i territori e la politica – ha affermato il candidato sindaco a Bagheria Gino Di StefanoLa Lega è stata da traino nel nostro comune. Gli uomini del Carroccio hanno portato avanti il civismo negli incontri di coalizione. Per fare ciò è stato determinante Igor Gelarda, con il quale abbiamo trovato subito l’intesa. I miei elettori mi dicono che voteranno lega alle Europee“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin