Pizzo e l'inopportuna raccolta fondi per pagare il riscatto dei pescatori mazaresi :ilSicilia.it

l'articolo di Balzebù

Pizzo e l’inopportuna raccolta fondi per pagare il riscatto dei pescatori mazaresi

di
15 Dicembre 2020

Si vanta di essere un democristiano d’antan, un moderato che però scivola sul terreno viscido del populismo. Questo è accaduto a Giovanni Pizzo, che Giampiero D’Alia indicò come sostituto di Giovanni Pistorio quando questi si avventurò in apprezzamenti poco lusinghieri nei confronti dell’allora presidente della Regione, Rosario Crocetta. Pizzo, inopinatamente, ha lanciato su change.org una petizione per chiedere “all’Ars che deliberi una somma – trascrivo testualmente, errori compresi – per liberare, tramite pagamento di un riscatto, i pescatori mazaresi. Questa somma venga destinata al governo italiano per la liberazione degli ostaggi. Non basterà solo questo ma la Sicilia deve proteggere i suoi figli”.

Pizzo, moderato populista, secondo me, ha anche le idee molto confuse. Primo, pagare un riscatto, sia pure con il nobile fine di liberare i 18 pescatori di Mazara del Vallo, da quasi quattro mesi nelle grinfie degli scagnozzi del generale Haftar, sarebbe un grave errore. Nessun pescatore italiano si potrebbe più aggirare nelle acque del Mediterraneo senza il rischio di essere sequestrato da libici, tunisini o egiziani. Ma lasciamo perdere questo. L’Ars, dovrebbe deliberare una somma che dovrebbe poi girare al governo nazionale per trattare il riscatto. E di grazia, quanti soldi dovrebbe stanziare l’Assemblea regionale siciliana? Fermo restando che dovrebbe essere la giunta regionale ad indicare i capitoli da cui attingere. Soldi, come detto, che dovrebbero essere messi nelle mani del ministro degli Esteri che dovrebbe trattare con Haftar. Vi rendete conto nelle mani di chi è stato l’Assessorato alle Infrastrutture della Regione siciliana ai tempi di Crocetta?
Pizzo, probabilmente, si è confuso. Forse, non sa che i servizi segreti italiani dispongono di un apposito fondo che in diverse occasioni è stato usato per pagare il riscatto di ostaggi nelle mani di terroristi. Ma si può comprendere il suo sbandamento: probabilmente è alla ricerca di una nuova identità politica. Ma faccia presto, prima di trasformarsi in una banderuola.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin