Plastic Tax, la Confapi non ha dubbi: "Nulla a che fare con la tutela ambientale" :ilSicilia.it

A sostenerlo la presidente Dhebora Mirabelli

Plastic Tax, la Confapi non ha dubbi: “Nulla a che fare con la tutela ambientale”

10 Dicembre 2019

La così detta Plastic Tax, che in queste settimane, sta suscitando numerose polemiche sull’intero territorio nazionale, colpisce pesantemente anche la Sicilia.  A sostenerlo è la Confederazione Nazionale della Piccola e Media Industria (CONFAPI).

Dhebora Mirabelli
Dhebora Mirabelli

Se si vuole parlare di tutela ambientale a livello industriare bisognerebbe rilanciare provvedimenti completamente diversi che intervengano sul deflazionamento a monte del rifiuto e sull’incentivazione della filiera produttiva del riciclo e trasformazione dei rifiuti e non tassandone la produzione – sostiene Dhebora Mirabelli, Presidente Regionale ConfapiOccorrerebbe cioè, una seria pianificazione legislativa di incentivi che faccia deflazionare gli imballaggi che accompagnano ogni bene di consumo e che al contempo promuova insediamenti industriali per la gestione, semi lavorazione e trasformazione della plastica cosi’ da far diventare il materiale di scarto, da rifiuto a risorsa economica produttiva ed occupazionale“.

Sulla stessa linea si è posta Miriam Pace, direttore generale di Plastica Alfa: “L’impatto della Plastic Tax non riguarda solo le aziende ma la società, pone l’accento in maniera errata sulla natura di questa materia prima, poiché diffonde l’idea della plastica come inquinante, cosa che non riguarda la materia in se ma l’uso sbagliato che se ne fa e la mancanza di progettazione del ciclo di vita dei prodotti. I materiali polimerici, soprattutto se termoplastici, sono i più riciclabili rispetto ad altri che sembrano apparire “ecologici” e che invece – come da calcoli di LCA (Life Cycle Assessment) – richiedono per essere prodotti l’impegno di molte più risorse e sono meno riciclabili”.

Questa tassa non tocca direttamente la nostra azienda, in quanto produttori di beni durevoli e non monouso, ma già da anni, come molti altri imprenditori del settore, utilizziamo politiche volte a minimizzare l’impatto ambientale dei nostri processi, come il riciclo della quasi totalità dei nostri scarti di produzione… In definitiva, a prescindere dall’introduzione di questa tassa, ogni produttore e consumatore dovrebbe avere più consapevolezza e informazione sulle tematiche ambientali e sull’utilizzo dei prodotti, dall’acquisto alla dismissione“.

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.