Plastic Tax, la Confapi non ha dubbi: "Nulla a che fare con la tutela ambientale" :ilSicilia.it

A sostenerlo la presidente Dhebora Mirabelli

Plastic Tax, la Confapi non ha dubbi: “Nulla a che fare con la tutela ambientale”

di
10 Dicembre 2019

La così detta Plastic Tax, che in queste settimane, sta suscitando numerose polemiche sull’intero territorio nazionale, colpisce pesantemente anche la Sicilia.  A sostenerlo è la Confederazione Nazionale della Piccola e Media Industria (CONFAPI).

Dhebora Mirabelli
Dhebora Mirabelli

Se si vuole parlare di tutela ambientale a livello industriare bisognerebbe rilanciare provvedimenti completamente diversi che intervengano sul deflazionamento a monte del rifiuto e sull’incentivazione della filiera produttiva del riciclo e trasformazione dei rifiuti e non tassandone la produzione – sostiene Dhebora Mirabelli, Presidente Regionale ConfapiOccorrerebbe cioè, una seria pianificazione legislativa di incentivi che faccia deflazionare gli imballaggi che accompagnano ogni bene di consumo e che al contempo promuova insediamenti industriali per la gestione, semi lavorazione e trasformazione della plastica cosi’ da far diventare il materiale di scarto, da rifiuto a risorsa economica produttiva ed occupazionale“.

Sulla stessa linea si è posta Miriam Pace, direttore generale di Plastica Alfa: “L’impatto della Plastic Tax non riguarda solo le aziende ma la società, pone l’accento in maniera errata sulla natura di questa materia prima, poiché diffonde l’idea della plastica come inquinante, cosa che non riguarda la materia in se ma l’uso sbagliato che se ne fa e la mancanza di progettazione del ciclo di vita dei prodotti. I materiali polimerici, soprattutto se termoplastici, sono i più riciclabili rispetto ad altri che sembrano apparire “ecologici” e che invece – come da calcoli di LCA (Life Cycle Assessment) – richiedono per essere prodotti l’impegno di molte più risorse e sono meno riciclabili”.

Questa tassa non tocca direttamente la nostra azienda, in quanto produttori di beni durevoli e non monouso, ma già da anni, come molti altri imprenditori del settore, utilizziamo politiche volte a minimizzare l’impatto ambientale dei nostri processi, come il riciclo della quasi totalità dei nostri scarti di produzione… In definitiva, a prescindere dall’introduzione di questa tassa, ogni produttore e consumatore dovrebbe avere più consapevolezza e informazione sulle tematiche ambientali e sull’utilizzo dei prodotti, dall’acquisto alla dismissione“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.