Pnrr e Pnc, Bartolozzi (FI): "Occasione unica per superare crisi e criticità di Autonomie speciali" :ilSicilia.it

L'ordine del giorno alla Camera dei Deputati

Pnrr e Pnc, Bartolozzi (FI): “Occasione unica per superare crisi e criticità di Autonomie speciali”

di
21 Luglio 2021

Dopo la crisi economica imposta dall’emergenza sanitaria da Covid 19 occorre sviluppare gli obiettivi e mettere in atto le disponibilità europee del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Un ordine del giorno presentato alla Camera dei Deputati dalla forzista Giusi Bartolozzi riguarda il provvedimento che reca disposizioni in materia di governance del Pnrr e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure.

Il PNRR e il Piano nazionale per gli investimenti complementari (PNC) rappresentano un’occasione unica non solo per superare la crisi economico-sociale determinata dalla pandemia da Covid-19, ma anche per contribuire al progetto di riforma nazionale, superando le criticità strutturali che caratterizzano l’Italia e le singole realtà territoriali”, si legge nell’odg a firma Bartolozzi.

Risulta quindi indispensabile che anche le Autonomie speciali, alle quali l’ordinamento costituzionale appresta specifiche garanzie, possano accedere a tutte le tipologie di finanziamento previste dai predetti Piani: finanziamenti per la realizzazione di opere e investimenti pubblici e finanziamenti a sostegno degli investimenti privati, attivati anche attraverso bandi nazionali, finanziamenti a sostegno della gestione di servizi o afferenti il funzionamento interno dell’amministrazione.

La partecipazione delle Autonomie speciali a tutti i finanziamenti del PNRR e del PNC, proprio per lo status riconosciuto dalla Costituzione e dagli Statuti speciali, deve avvenire indipendentemente dalla estensione della tipologia di competenze che caratterizza le singole Autonomie e della relativa responsabilità nel loro finanziamento. Nel contempo va garantito, pur assicurando il rispetto dei vincoli e degli obiettivi propri del PNRR, il ruolo di regia e di coordinamento che talune Autonomie speciali svolgono con riferimenti ai comuni del proprio territorio, in ragione della competenza in materia di finanza locale”.

Inoltre, il coinvolgimento delle Autonomie speciali a tutti i finanziamenti previsti dal PNRR e dal piano nazionale per gli investimenti complementari deve intervenire prescindendo da eventuali regole e meccanismi finanziari e contabili  che ordinariamente disciplinano i rapporti finanziari tra le singole Autonomie speciali e lo Stato. Ciò sulla base del presupposto che le risorse riconducibili al Recovery Plan ed ai fondi ad esso collegati sono  risorse che non derivano dalla fiscalità generale nazionale, bensì dallo straordinario intervento economico che l’ Unione Europea ha messo in campo per favorire la ripresa economica di tutte le sue componenti.

Inoltre, dal documento emerge che per tali ragioni, il Governo si impegna a:

• prevedere meccanismi che consentano la partecipazione delle Autonomie speciali a tutti i finanziamenti previsti dal PNRR e dal PNC al pari degli altri territori, anche qualora attengano a settori la cui competenza in ordine al relativo finanziamento ricade in capo alle Autonomie medesime, considerando la competenza in materia di finanza locale di talune Autonomie speciali e prescindendo da eventuali regole e meccanismi finanziari e contabili che ordinariamente disciplinano i rapporti finanziari tra le singole Autonomie speciali e lo Stato;

• informare tutti i Ministeri dell’impegno di cui al precedente alinea affinché si attivino, ciascuno per le risorse del PNRR e del PNC di propria competenza, a definire criteri adeguati di accesso delle risorse a favore delle Autonomie speciali o a modificare in tal senso quelli attualmente applicati.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin