Pnrr, Orlando: "Mettere in campo nostre risorse per essere all'altezza della sfida" :ilSicilia.it
Palermo

la dichiarazione

Pnrr, Orlando: “Mettere in campo nostre risorse per essere all’altezza della sfida”

di
28 Dicembre 2021

Il Sindaco metropolitano, Leoluca Orlando, ha avviato ieri, nel corso di un lungo incontro on line di tutti gli Enti locali della Città Metropolitana di Palermo, i lavori per la redazione dei Piani Integrati Urbani, che destinano 196 milioni alla rigenerazione urbana e alla rivitalizzazione economica delle aree più degradate.

L’intervento che verrà coordinato dalla Città Metropolitana di Palermo, dovrà individuare i progetti strategici provenienti dai Comuni e di presentarli in un unico piano entro il 17 marzo prossimo. E’ già prevista infatti per il 5 aprile la firma dei patti di attuazione con il finanziamento delle opere.

Abbiamo una possibilità unica per mettere mano alle nostre periferie, intese non come luogo geografico, ma posto dove si annidano, emarginazione sociale, culturale ed economica – ha spiegato il sindaco Orlando – Occorre mettere in campo tutte le nostre risorse per essere all’altezza della sfida e riuscire in tempo a produrre progetti di qualità, sostenibili in termini ambientali e gestionali e strategici per lo sviluppo del nostro territorio”.

Antonella Marascia, segretario generale della Città Metropolitana di Palermo, ha presentato l’ufficio staff PNRR, che si occuperà di dare supporto ai Comuni e di gestire l’intervento dal punto di vista tecnico.

Si tratta di due ingegneri esperti in opere pubbliche, uno in transizione digitale, due avvocati e un economista, esperti in rendicontazione e discipline giuridiche collegate agli appalti, una esperta in animazione e programmazione territoriale che accompagneranno gli Enti locali nella realizzazione degli interventi fino a marzo 2026, data di scadenza di ultimazione dei lavori.

Le proposte possono essere presentate dai Comuni con oltre 10 mila abitanti secondo i seguenti massimali di importo: 5 milioni di euro fino a 25 mila abitanti, 10 milioni da 25 a 49.999, e 20 milioni da 50 mila in su.

Previsti inoltre 50 milioni di interventi ciascuno per il capoluogo e per la Città Metropolitana. 

Per quanto concerne i  Comuni sotto i 10 abitanti, questi  potranno aggregarsi tra loro e presentare progetti per un importo complessivo di 5 milioni di euro.

I progetti verranno esaminati in base alla loro coerenza e strategicità rispetto agli obiettivi del Piano, alla qualità tecnica, alla sostenibilità nel tempo, all’impatto sull’ambiente e alla possibilità di essere conclusi entro marzo 2026.

L’indice di vulnerabilità sociale e materiale dei territori coinvolti stabilirà infine quali interventi saranno immediatamente finanziabili e quali no.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.