Pochi siciliani nel governo? Politici dell'Isola scarsi e lontani dalla gente :ilSicilia.it

l'analisi di pietro busetta

Pochi siciliani nel governo? Politici dell’Isola scarsi e lontani dalla gente

di
26 Febbraio 2021

Tante lamentele per la mancanza di meridionali e di siciliani nel Governo del Paese. Una rappresentanza molto contenuta ci fa preoccupare circa l’attenzione che il Paese dedicherà al Mezzogiorno ed alla Sicilia.

Anche se spesso la presenza di nostri ministri non ha affatto coinciso con l’attenzione dedicata alla Sicilia. Certo vedere che nel governo dei migliori non c’è spazio per quella che è una realtà che ha fornito protagonisti della vita politica e culturale del Paese fa specie.

Se il metro della cooptazione dovesse essere i risultati che la nostra classe dirigente ha ottenuto nell’Isola, allora la mancanza di protagonisti nel governo è assolutamente giustificata. Un’isola che non riesce a dare alcuna prospettiva di futuro ai propri giovani. Una realtà indietro in tutte le iniziative che possano dare un’idea di futuro ai nostri ragazzi. Prima fra tutte la messa a regime delle due Zes, zone economiche speciali, occidentale ed orientale, che ancora stentano a partire. Unica prospettiva per creare qualche posto di lavoro in più che non sia nel pubblico o di occupati assistiti.

Chiusa nei suoi salotti radical chic autoreferenziali, spesso aggrappata ai partiti nazionali senza alcuna forza di contrapposizione, la nostra classe dirigente si divide tra quella dominante estrattiva pronta a cavalcare ogni carro del vincitore, e quella che decide di scappare per sopravvivere. Il risultato a livello nazionale della mancanza di stima nei salotti che contano è conseguenza dell’incapacità di richieste adeguate, di proposte credibili, di forza per sostenerle, nel portare avanti un progetto di sviluppo.

Quello che è accaduto è la cartina di tornasole di una realtà che si guarda il proprio ombelico, che non fa partecipare all’agone complessivo la maggior parte dei propri abitanti. E quella piccola parte, protetta, purtroppo come dice Ceronetti, non esprime che sfinimento. Una realtà che non fa i conti con i suoi numeri e con le sue prospettive che si divide su qualunque idea di sviluppo, in una visione romantica di separazione dal resto del Paese con una società che invece di chiedere il collegamento stabile va a battere cassa per i costi dell’insularità.

Nessuna giustificazione per un Paese patrigno che nega fin dalla nascita gli stessi diritti ai bambini palermitani rispetto a quelli bolognesi. Ma nemmeno per chi ha soltanto pensato ad estrarre risorse per se stesso e per i propri protetti da un’Isola allo stremo, adeguato erede di una nobiltà insipiente. Mentre il mantra che pervade tutti e tutto è solo l’appartenenza che rende per se stessi ed i propri figli.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Wanted

di Ludovico Gippetto

Nudité: una mostra fotografica che custodisce memorie altre

Si inaugura a Ragusa la mostra fotografica "Nudité - Il Giardino di Afrodite" a cura di Giuseppe Nuccio Iacono. La collettiva nasce dal lavoro del 1° Seminario della fotografia di Nudo nell’ottobre del 2019, in collaborazione con il Festival europeo del Nudo di Arles (Francia).

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin