Poco spazio ai panchinari, il Palermo è una squadra stacanovista :ilSicilia.it
Palermo

pergolizzi cambierà le gerarchie?

Poco spazio ai panchinari, il Palermo è una squadra stacanovista

di
2 Gennaio 2020

Buone nuove in casa Palermo, dove si registra l’arrivo di Andrea Silipo, talentino classe 2001 in prestito secco dalla Roma. Il giocatore, scoperto e portato nell’alveo giallorosso da Bruno Conti, può agire come esterno offensivo e quindi può far rifiatare Mattia Felici, il quale è sembrato in grossa difficoltà atletica nelle ultime gare.

Bisogna capire però quale sarà la propensione a farlo giocare da parte di Rosario Pergolizzi. L’allenatore rosanero storicamente non ha concesso molto spazio ai suoi panchinari, con alcuni di questi che non hanno mai messo piede in campo in una gara ufficiale.

Fra questi, a parte il terzo portiere Corallo, figurano Marong Bubacarr e Lorenzo Bechini. Quest’ultimo doveva essere il ricambio perfetto di Francesco Vaccaro, ma Pergolizzi ha preferito, in casi estremi, adattare Accardi terzino, il quale ha fornito prestazioni non proprio convincenti.

Castrovillari - Palermo, foto di Salvo Rosanero
Castrovillari – Palermo, Ph. Salvo Rosanero

Nella classifica di quelli che hanno giocato meno, segue Andrea Rizzo Pinna. Il fantasista classe 2001 ha vestito la maglia rosanero soltanto per 50′ in campionato, distribuiti fra la sfida con la Palmese e l’ultimo match ufficiale contro il Troina.

Il giocatore, che ricordiamo essere di proprietà del Palermo, non ha avuto grandi possibilità di esprimere le proprie potenzialità. Adesso, la società si muove e prende un nuovo classe 2001 in prestito secco, stesso status del titolare Felici. Chiaramente la società di Dario Mirri si muove in chiave futura, pianificando possibilmente il piano Serie C. Tuttavia, il ragazzo palermitano avrebbe meritato qualche chance in più, specie in quelle partite in cui i rosanero hanno faticato sul piano del gioco.

A proposito di under, anche Raimondo Lucera ha goduto davvero di poco spazio. L’esterno offensivo classe 2000, autore del primo gol di marca rosanero in quel di Marsala, ha visto il campo soltanto per 122′, offuscato dalla presenza di Luca Ficarrotta.

Altro nome poco quotato nelle gerarchie di Pergolizzi è quello di Juan Mauri. Il mediano è stato messo in ombra da Martin, giocando soltanto 122′ complessivi distribuiti in 7 presenze. Mai partito titolare, Mauri è stata una delusione di questo inizio di campionato.

Tornando al reparto difensivo, anche Manuel Peretti ha visto pochissimo l’erba del prato da gioco. Soli 224′ per lui, distribuiti in 6 presenze. La concorrenza nel ruolo di centrale è veramente elevata, ma quando è sceso in campo il giovane rosanero ha sempre fatto ottime prestazioni.

FRA RISERVE E CALCIOMERCATO

Hanno goduto di maggiori chance sia Danilo Ambro che Christian Langella. Il primo è stato l’uomo della provvidenza in alcune partite, come in quella di Roccella, mentre il secondo ha fatto da staffetta al compagno di reparto Kraja, dimostrando però di non essere ancora all’altezza di una maglia da titolare.

Proprio a centrocampo, il Palermo sta trattando Giovanni Sbrissa, ex Sassuolo militante attualmente alla Pergolettese. Il mediano ha avuto poche chance in Lega Pro e potrebbe cercare lustro proprio con la maglia rosanero.

Il problema però rimane lo stesso. Come mai Pergolizzi ricorre così poco alla panchina? Ricordiamo che in Lega Pro è possibile effettuare ben cinque cambi. Sorprende quindi il fatto che alcuni panchinari abbiano giocato così poco, costringendo i titolari agli straordinari.

Forse, in alcune sfide di campionato in cui il Palermo ha vinto con largo margine, si sarebbe potuto fare esordire alcuni ragazzi, che avrebbero potuto fare così minuti importanti in chiave ritmo partita.

Invece, hanno giocato in pratica sempre gli stessi, nonostante il calo di forma evidente mostrato nelle ultime partite da parte di alcuni titolari, nonché gli infortuni di Santana e Sforzini, quest’ultimo ancora convalescente, che stanno costringendo i rosanero ad un ritorno sul mercato.

Una formazione tipo, quella di Pergolizzi, priva di alternative. A tal proposito il DS Castagnini si è mosso per portare in rosanero Roberto Floriano, uomo d’esperienza liberato dal Bari e a caccia di una maglia da titolare in una realtà importante.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

Il Lupo perde il pelo ma non il vizio

Dov’è finito quel Giuseppe Lupo che da segretario provinciale della Cisl di Palermo, con pacatezza, riusciva a districarsi tra le vertenze più scabrose al tempo in cui rivestiva questo prestigioso incarico?
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.