Polemiche su Candela: "Dal M5S disonestà intellettuale, lo proposero per guidare un'Asp" :ilSicilia.it
Palermo

Lo dice Pino Galluzzo

Polemiche su Candela: “Dal M5S disonestà intellettuale, lo proposero per guidare un’Asp”

di
23 Maggio 2020

«Nella ricerca della polemica sterile ed a tutti i costi i deputati del M5S dimenticano che Antonio Candela era stato proposto dal loro governo nazionale per guidare un’Asp in Calabria».

Giuseppe Galluzzo,
Pino Galluzzo

Lo afferma Pino Galluzzo, deputato regionale di DiventeràBellissima e componente della Commissione Sanità dell’Ars, in relazione al terremoto nella Sanità Siciliana, con il recente arresto di Antonino Candela.

«Per l’ennesima volta  – prosegue Galluzzo – i Cinquestelle dimostrano di non possedere né memoria né onestà intellettuale. Appare evidente, infatti, che se il curriculum di una persona viene valutato nello stesso modo da governi diversi e di diverso colore politico, probabilmente è perché la reputazione era ritenuta da tutti credibile. Al resto penserà la magistratura». 

 

 

LEGGI ANCHE:

Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: arrestato anche il manager Candela | VIDEO

Terremoto nella sanità siciliana: Musumeci revoca l’incarico a Candela

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.