20 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.55
Catania

nuovo pronto soccorso

Policlinico di Catania, prove tecniche alla nuova elipista | FOTO

2 Ottobre 2018
'
'
'

SFOGLIA LA FOTOGALLERY IN ALTO

Dopo l’annuncio dell’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, che sabato scorso ha comunicato l’entrata in funzione del nuovo Pronto Soccorso del Policlinico di Catania per domenica 18 novembre 2018, ieri sono entrate nel vivo le azioni previste nel cronoprogramma per il trasferimento della struttura dallo storico presidio dell’ospedale Vittorio Emanuele alla sede di via Santa Sofia.

Nello specifico oggi, alla presenza del Direttore Generale ff  Giampiero Bonaccorsi e del Direttore Sanitario Antonio Lazzara è stata predisposta una prova del corretto funzionamento di tutti gli impianti dell’elipista che è collegata direttamente alla shock room del nuovo pronto soccorso mediante un ascensore.

La struttura di via Santa Sofia, infatti, è stata progettata e realizzata con una separazione per aree dei codici (rossi, gialli, verdi e bianchi) per garantire una migliore e più celere assistenza ai pazienti.

Nella fattispecie, ieri, è stato organizzato un atterraggio e un decollo con un mezzo del 118 di Catania, proveniente dall’ospedale Cannizzaro, alla presenza di tutte le squadre di sicurezza che solitamente vengono impiegate per questo genere di attività.

Le prove tecniche non hanno fatto registrare anomalie, e si sono svolte in maniera identica e seguendo lo stesso protocollo di un’operazione reale.

Il nuovo pronto soccorso del Policlinico di via Santa Sofia aprirà ai servizi da domenica 18 novembre quando, contestualmente, cesseranno le attività del pronto soccorso del Vittorio Emanuele di via Plebiscito.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.