Policlinico di Messina, medici salvano la vita a una neonata prematura :ilSicilia.it
Messina

la bimba di soli 700 grammi di peso

Policlinico di Messina, medici salvano la vita a una neonata prematura

di
22 Maggio 2018

Si è concluso poche ore fa con esito positivo un eccezionale intervento di cardiochirurgia pediatrica eseguito su una bambina prematura dall’equipe medica del Ccpm, il Centro Cardiologico Pediatrico del Mediterraneo “Bambino Gesù” di Taormina, che nell’occasione ha operato presso la terapia intensiva neonatale del Policlinico di Messina diretta dalla Prof.ssa Eloisa Gitto.

L’intervento ha salvato la vita alla piccola Isabella, una bambina di Messina. I contatti tra l’equipe erano stati avviati la scorsa settimana quando la bimba di 700 grammi di peso e poco più di una settimana di vita non aveva risposto ad un ciclo di terapia medica convenzionale per la chiusura del dotto arterioso di botallo.

Tale struttura anatomica generalmente presente e necessaria durante la vita fetale tende alla chiusura spontanea nei giorni successivi alla nascita. L’eccezionalità della procedura risiede oltre al bassissimo peso e la prematurità della bimba nel fatto che proprio in questo caso le dimensioni del dotto arterioso di botallo erano circa il doppio della sua aorta. Ciò significava che il sangue era destinato a ricircolare nei polmoni con l’instaurarsi di un danno progressivo e irreversibile. Nei giorni precedenti alla procedura chirurgica , la bambina è stata sottoposta a controlli ecocardiografici giornalieri da parte dei cardiologi pediatri, Prof.ssa Maria Pia Calabrò il dott. Franco De Luca in collaborazione continua con i neonatologi Dott. Vincenzo Salvo ed Amiel Warm che proprio nell’ultimo controllo notturno hanno ravvisato la criticità clinica ingravescente. Visto la non trasportabilità della bimba e l’emergenza del caso si è subito attivata la complessa macchina organizzativa bilaterale con il Dott. Vullo, la Dott.ssa Reitano e il Dott. La Ganga che hanno autorizzato l’arrivo dell’equipe del Ccpm al Policlinico di Messina.

La fase autorizzativa e il coordinamento logistico e operativo del trasferimento dell’equipe sono stati seguiti e fortemente voluti da Rosario Cunsolo, direttore sanitario del Presidio San Vincenzo di Taormina e dal direttore generale dell’Asp Messina, Gaetano Sirna, che hanno permesso nel giro di poche ore l’attivazione di un’intera equipe di infermieri specializzati (Stefania Meesa, Pasqualino Giusto), l’anestesista rianimatore (dott. Simone Reali) e i cardiochirurghi (Dott. Davide Calvaruso e Dott. Sasha Agati) presso il Policlinico di Messina. Li è stata allestita una vera e propria sala operatoria comprensiva dei più sofisticati strumenti in caso di complicanza maggiore.

L’intervento è stato eseguito con successo, e la bimba si trova attualmente ricoverata nella sua incubatrice e le condizioni sono stabili con parametri vitali ottimali. Adesso è il momento della felicità e della soddisfazione per i genitori ma anche per il personale medico ed infermieristico che ha salvato la piccola Isabella.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin