21 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.50
Palermo

dopo l'assemblea del 26 ottobre

Politica, Direzione Futuro: Munì e Virzì alla guida del movimento

28 Ottobre 2018

“Durante l’assemblea programmatica del movimento che si è svolta il 26 ottobre, sono state definite alcune responsabilità all’interno del movimento”: inizia così un comunicato di Direzione Futuro inviato ai media.

“La guida del movimento è stata affidata a Calogero Munì e all’imprenditore nisseno Calogero Virzì, che hanno assunto anche l’onere e l’onore di traghettare il movimento alle prossime elezioni amministrative di Maggio 2019″.

“Sono state assegnate, inoltre, delle deleghe suddivise per aree tematiche, i cui responsabili si attiveranno per redigere, di concerto con tutti gli iscritti e simpatizzanti del movimento, il programma elettorale da presentare agli elettori. Marco D’Arma, giovane nisseno impegnato nel mondo sportivo, si occuperà di sport e politiche giovanili. Ad Oscar Bellomo, giovane commerciante nisseno, è andata la delega al commercio, tutela, promozione e sviluppo dell’imprenditoria. Vincenzo Sena, giovane attivo e inserito nel tessuto sociale cittadino, si occuperà, appunto, di quartieri e rapporti con le istituzioni. Michele Guittardi, infine,  cofondatore e sostenitore della prima ora del movimento, assumerà  le deleghe all’artigianato e turismo”.

“Ringrazio tutti i ragazzi del movimento –  afferma Calogero Munì –  per il delicato ruolo affidatomi. Cercherò di assolverlo nel migliore dei modi e con la passione che mi contraddistingue. Abbiamo messo in piedi una squadra competente e motivata, che si è già messa a lavoro per dare voce alle richieste della gente e tentare di recuperare quel rapporto tra politica e cittadino che è andato ormai perso.”.

“Abbiamo deciso di farlo puntando su giovani che vivono la città tutti i giorni sotto molteplici sfaccettature. Niente politici di professione, ma politici di fatto. Ragazzi che conoscono i problemi delle società sportive e delle strutture deputate ad accogliere eventi sportivi, conoscono i problemi dei quartieri, della zona industriale, dei commercianti ed hanno deciso di mettersi in gioco per tentare di cambiare lo stato attuale delle cose, piuttosto che lamentarsi e basta”.

“Come abbiamo fortemente sostenuto  il giorno della nostra presentazione ufficiale – dichiara Calogero Virzìstiamo cercando non di distruggere il vecchio, ma di costruire il nuovo”.

“Abbiamo tante idee – continua –  e ci siamo già attivati non per cercare responsabili, ma per cercare chi si assuma la responsabilità dello sviluppo della città. Vogliamo allargare le mura della città anche alle zone industriali e agricole e dare voce ad ogni cittadino che voglia apportare il proprio contributo”.

“Per quanto riguarda le elezioni amministrative della primavera prossima – conclude Munì – già da qualche mese stiamo conducendo una battaglia democratica chiedendo a gran voce le primarie di coalizione in seno al centrodestra, ma ad oggi in molti fanno orecchie da mercante. Attenderemo eventuali sviluppi dello scenario politico locale e torneremo a farci sentire”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Rimembranze in un caldo giorno di luglio

Quando in giornate come queste si perdono o si commemorano personaggi di grande spessore personalmente non mi sento solo per la loro assenza, ma mi sento solo per la mancanza all’orizzonte di personaggi con potenzialità tali da eguagliarne lo spessore.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.