Politica, Gelarda: "In Sicilia un successo straordinario della Lega" :ilSicilia.it

dopo le elezioni europee

Politica, Gelarda: “In Sicilia un successo straordinario della Lega”

di
31 Maggio 2019

“La Lega è anche in Sicilia la prima forza politica del Centrodestra, e sarà determinante nella prossime tornate elettorali per il rinnovamento della classe dirigente della Sicilia in tutte le amministrazioni locali“, a parlare è Igor Gelarda, responsabile enti locali della Lega per la Sicilia e capogruppo al Comune di Palermo.

“Siamo passati da una percentuale di poco oltre il 5 % delle precedenti politiche ad oltre il 20% in quasi tutte le province. Con risultati inimmaginabili alla vigilia, come quello di Belmonte, coordinato da Rita Pizzo, paese di origine di Saverio Romano, nel quale la Lega praticamente eguaglia Forza Italia, nonostante la candidatura dell’ex-ministro”.

“Significative le conferme come il 41% di Chiusa Sclafani, nel quale la comunità ha praticamente ratificato l’adesione del sindaco Di Giorgio, al progetto della Lega.  La Lega – continua Gelarda –  prende voti di opinione in tutta la Sicilia, ed il risultato dei candidati 8 su 7 oltre il 20.000 e tutti con una distribuzione di voto capillare dà la conferma che la Lega è strutturata e presente in tutta la Regione”.

Abbiamo eletto due rappresentanti Siciliane, quando alla vigilia sembrava un ostacolo insormontabile il dato sardo, reduce dalla recente vittoria alle regionali.  Entusiasmante il risultato della provincia di Palermo, nel quale la Lega è di gran lunga il primo partito. Nonostante il risultato drogato di Forza Italia che ha imbarcato i centristi nella speranza di alzare le percentuali in picchiata”.

“È stato un anno difficile e complesso – ammette Gelarda –  nel quale ci siamo concentrati sulla strutturazione del partito, ed i risultati non sono mancati. Un successo del nostro commissario Stefano Candiani, e del lavoro sul territorio dei responsabili Regionali Enti Locali, il sottoscritto e Fabio Cantarella, e dei responsabili provinciali, una classe dirigente che punta al rinnovamento della Sicilia, ed in ragione di questo non è stata reclutata tra i tanti politici di vecchio corso. Un sincero grazie pertanto a tutti i responsabili provinciali ed a tutti i membri del direttivo regionale.
La scelta del rinnovamento della classe dirigente è la strada più lunga, ma quella che nel futuro darà più soddisfazioni. Ed i primi li stiamo già raccogliendo”.

“Che la direzione sia questa è ribadito oggi dal commissario Candiani che non intende entrare in questo governo ed ancora meno accettare cambi di casacche alla ricerca di facili poltrone.  Chi pensa che il mio risultato possa cambiare qualcosa degli assetti e del progetto politico della Lega ha male inteso il modus operandi della Lega”.

“Siamo tutti al servizio di un progetto collettivo, la mia campagna elettorale è stata fatta sul mio nome e su quello di Matteo Salvini. Io applaudo con gioia al successo di Francesca Donato ed Annalisa Tardino. Ciascuno è sempre espressione di se stesso e del partito. Non esistono correnti nella Lega”.

“I problemi della Sicilia – conclude Gelarda –  si risolvono a Palermo, prima ancora che a Bruxelles ed a Roma. Ed a questo puntiamo come partito, ad costruire le condizioni di un completo rinnovamento della classe politica Siciliana”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin